Avellino, caos alloggi popolari: «Cento assegnazioni al buio»

Sindacati chiedono chiarezza sulle cento assegnazioni che dovrebbero essere ufficializzate domani.

avellino caos alloggi popolari cento assegnazioni al buio

Si chiede chiarezza sulle liste di scorrimento, sulle condizioni degli edifici e sullo stato degli sfratti. Sfratti non ancora partiti dopo gli annunci di giugno.

Avellino.  

 

di Andrea Fantucchio 

Alloggi popolari, ad Avellino è ancora caos a un giorno dalle commissione consiliare nella quale dovrebbero essere annunciate circa 100 assegnazioni. I sindacati questa mattina hanno chiesto inutilmente spiegazioni sugli sfratti mai eseguiti, sul controllo dello stato degli edifici e sul piano di assegnazione.

Spiega Fiorentino Lieto di Federconsumatori Cgil: «La graduatoria delle assegnazioni è ferma al 2012. Restano fuori decine di famiglie alle quali viene precluso un futuro degno di questo nome».

Lieto chiede chiarezza al comandante della polizia municipale, Michele Arvonio: «Lo stimo, ma agli annunci degli sfratti, ai quali il comandante ha fatto riferimento lo scorso giugno, non sono seguiti i fatti. Inoltre fra poco l'amministrazione pubblicherà l'elenco di cento assegnazioni per altrettanti alloggi. E noi sindacati ignoriamo a chi saranno assegnate quelle case: si fa tutto al buio».

Pasquale Troise, della Sicet Cisl Irpinia Sannio, parla della sicurezza degli edifici. «Molte case popolari sono fatiscenti. Non è stato fatto alcun controllo, il valzer di assessori che si sono susseguiti alla dirigenza dei Servizi Sociali ha peggiorato la situazione. Nelle altre realtà campane c'è programmazione e solidità, qui ad Avellino solo improvvisazione».