Centro autismo, Prefettura all'Asl: chiariteci se lo gestirete

Questa mattina il Prefetto Tirone ha convocato Regione, Asl e il sindaco di Avellino.

centro autismo prefettura all asl chiariteci se lo gestirete

Il Comune con il sindaco Foti e l'assessore ai Lavori Pubblici Preziosi ha assicurato di aver reperito i fondi per i lavori. E ora l'amministrazione vuole conoscere la posizione dell'Asl. Presto un nuovo incontro.

Avellino.  

 

di Andrea Fantucchio 

Il futuro del centro autismo di Valle arriva in Prefettura. La dottoressa Maria Tirone questa mattina ha incontrato il vicepresidente della commissione regionale sanità Enzo Alaia, il direttore dell'azienda Ospedaliera Moscati Angelo Percopo, il sindaco di Avellino Paolo Foti, l'assessore ai Lavori Pubblici del capoluogo Costantino Preziosi e il Direttore Dipartimento Salute Mentale dell'Asl Avellino Antonio Acerra in vece della direttrice Maria Morgante.

Il Prefetto voleva conoscere i dettagli del procedimento per l'acquisizione del terreno di Valle e dei lavori legati al centro. Il sindaco Foti e l'assessore Preziosi hanno assicurato di aver reperito i circa 800mila euro necessari per finanziare tutti gli interventi. E hanno voluto conoscere l'impegno dell'azienda sanitaria locale per un'eventuale gestione della struttura. Risposta che potrebbe arrivare nel prossimo incontro chiesto dal Prefetto. 

Meeting al quale dovrebbero essere presenti anche i riferimenti dell'Aipa (Associazione irpina pianeta autismo). La dottoressa Elisa Spagnuolo, raggiunta a telefono, ci ha spiegato che quella di questa mattina era un'assenza concordata. L'associazione aspetta di conoscere l'evoluzione dell'iter legato all'inaugurazione del centro e l'eventuale ruolo che i volontari ricopriranno dopo l'apertura della struttura. Apertura attesa inutilmente per anni durante i quali l'edificio è stato più volte vandalizzato. 

Proprio alla luce del recente passato, l'atteggiamento del Prefetto Tirone va lodato. La chiarezza da parte di tutte le istituzioni è infatti elemento indispensabile per tutelare il futuro delle oltre settecento famiglie irpine con bambini affetti da autismo. Famiglie per l'apertura e poi la gestione del centro di Valle è indispensabile.