Trotta, Ambrosone: Capisco sindacati, spero in revoca sciopero

L'assessore : Problema risolvibile, lavoratori hanno incubo di rivivere quel che successe con Pepe

trotta ambrosone capisco sindacati spero in revoca sciopero
Benevento.  

E' ottimista Luigi Ambrosone, assessore alle Attività Produttive del Comune di Benevento relativamente alla possibilità che lo stato d'empasse che si è creato tra Trotta Bus e sindacati negli ultimi giorni possa sbloccarsi in pochi giorni.
Intervistato da Federico Festa per Ottochannel, infatti, l'assessore ha spiegato lo stato dell'arte: “Sono fiducioso e mi auguro che si possa arrivare alla revoca dello sciopero: Trotta ha fatto tutti gli adempimenti con l'Inps, con cui hanno un credito di 2 milioni di euro, ma l'Istituto ancora non restituisce questi soldi. Da parte nostra abbiamo anche inviato una comunicazione a Roma, all'Ufficio delle Entrate, affinché si accelerino le procedure per liberare il Durc”.
Qualcuno si è chiesto se questa situazione poteva essere evitata a monte, con verifiche del Comune sull'azienda al momento dell'affidamento del servizio: “Non c'era un problema: la Trotta ogni tre mesi deve poter dimostrare la regolarità degli adempimenti con Inps. E da febbraio hanno sempre avuto il Durc regolare. In questi ultimi mesi erano convinti che si sbloccassero i due milioni di credito con Inps, e che con questi potessero compensare”.
Nessun biasimo tuttavia da parte di Ambrosone per la proclamazione dello sciopero: “La posizione dei sindacati la capisco: un lavoratore ha diritto di stare con la propria famiglia e fare un periodo di ferie. Ma è chiaro che senza liquidità questo diventa impossibile. I sindacati tuttavia hanno capito che non c'è un problema fallimentare, anche perché in tal caso il comune sarebbe intervenuto pagando, essendo il gestore del servizio fino al 31 dicembre, quando il servizio andrà a bando regionale. Certo, è chiaro che i lavoratori, dopo quello che hanno subito con l'amminstrazione Pepe sono dubbiosi, lo capisco: hanno perso circa 10mila euro a testa col fallimento della Amts”.