Pepe: "Dimissioni? Preventive. Mastella? Siamo al disastro"

Conferenza stampa dell'ex consigliere, al vetriolo su Mastella. Poi l'appello all'opposizione

pepe dimissioni preventive mastella siamo al disastro
Benevento.  

L'incompatibilità, en passant, l'opposizione a Mastella più che altro. Su queste basi muove la conferenza stampa convocata da Fausto Pepe, ex sindaco e consigliere comunale dimissionario da qualche settimana. Pepe ha spiegato i motivi della sua decisione di dimettersi per far chiarezza, irritato da alcuni passaggi fatti sulla vicenda: “Semplicemente, ho firmato un contratto col Comune di Cervinara come funzionario direttivo con posizione organizzativa, e questo non presenta alcuna incompatibilità secondo la legge, che parla di funzioni dirigenziali. Mi sono dimesso per scelta, una scelta anche dettata da motivazioni economiche, perché non si campa d'aria. Mastella altrove, a qualcuno che gli chiedeva di fatti miei, ha detto che sapeva già della mia incompatibilità: è falso. Ma la domanda è un'altra: se Mastella ha questi rapporti anche con l'Anac che gli consentono di sapere tutto, perché ha chiesto proprio all'Anac un parere sulla mensa sei giorni dopo la pubblicazione del bando, facendo così naufragare, dopo il parere Anac, tutto il servizio?”.
Di qui parte l'analisi sul governo Mastella, con giudizio pessimo, e sull'opposizione, bocciata anch'essa: “Le mie dimissioni sono anche politiche: ho tentato di fare opposizione coinvolgendo le altre forze di minoranza, non ci sono riuscito. Eppure il momento è propizio: in città c'è un non governo, basato solo sulla fedeltà a Mastella, che costringe persino quelli che rientrano in maggioranza, come gli ex Ap, a dichiarazioni di vicinanza al sindaco. Questa è sottocultura”.
L'appello al Pd è di unirsi, lasciandosi alle spalle veleni e polemiche passate: “Bisogna capire che a giugno 2016 abbiamo perso, punto. Da lì bisogna ripartire per costruire un'alternativa”.
E poi ancora su Mastella, su chi è passato dall'opposizione alla maggioranza, per una bocciatura totale e sdegnata: “Questa è gente che ha sottoscritto un programma...allora o Mastella ha adottato il programma del centrosinistra o loro hanno un evidente problema. Anche perché Mastella non sta certo facendo bene: l'Asia, che con noi era diventata virtuosa, ora rischia il fallimento. A noi rimproveravano di utilizzare gli interinali, che hanno costi enormi, per scopi clientelari, bene avevamo 33 interinali, oggi sono circa 80. Mastella è così: ragiona sulle politiche, sulle candidature, e va fuori budget. Idem su Amts, sulla questione degli articoli 90. Stiamo vivendo un periodo di distruzione amministrative”. 
Pepe poi annuncia che non rinuncerà certo a fare politica: "La farò dal di fuori, restando ovviamente a disposizione del Pd, in quanto sono e resto un uomo del Pd. Dualismo con Del Basso? Del Basso è una risorsa visto il ruolo di Sottosegretario e i risultati che sta portando, ma il suo giudizio sull'opposizione, cioè che bisogna capire che nel 2016 si è perso, è il mio stesso giudizio..."

Crisvel