Aversa, scempio rifiuti: repressione e sensibilizzazione

Pugno duro da parte del comune e risultati sono tangibili

aversa scempio rifiuti repressione e sensibilizzazione

I vigili urbani operano anche con l’ausilio di telecamere trappola....

Aversa.  

“Da ottobre, cioè da quando è stato istituito il nucleo ambientale della Polizia Municipale, ad oggi sono state effettuate oltre 1200 contravvenzioni nei confronti di chi ripone i rifiuti fuori orario o fuori dagli spazi consentiti”.

Lo ha detto il consigliere comunale delegato alla Polizia Municipale Michele Galluccio, che spiega: “Dal prossimo autunno entrerà in vigore anche un’ordinanza che vieta l’utilizzo dei sacchi neri dei rifiuti che non consentono agli operatori di capire se è stata effettuata correttamente la raccolta differenziata”. L’azione del nucleo ambientale, coordinata dal comandante della Polizia Municipale Stefano Guarino con l’ausilio dell'assessore all'ambiente Marica de Angelis e la commissione consiliare ambiente, è meticolosa e silenziosa.

I vigili urbani operano anche con l’ausilio di telecamere "trappola". “Abbiamo una media di oltre cento multe al mese elevate dai vigili del nucleo ambientale che operano tutti i giorni su tutto il territorio comunale”, ha spiegato il consigliere comunale delegato alla polizia municipale Michele Galluccio, e continuando: “Le telecamere sono posizionate in alcuni luoghi nevralgici della Città dove vengono abbandonati rifiuti. Si tratta di una decina di telecamere-trappola, così chiamate perché possono essere spostate facilmente da un posto all’altro agevolmente, nei luoghi dove alcuni incivili sono soliti abbandonare rifiuti”.

Le telecamere utilizzate sono di quelle omologate per poter contestare, successivamente la violazione ai trasgressori e sono già state utilizzate in precedenza con profitto dalla polizia municipale. In questo modo l’amministrazione comunale sta cercando di contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti. Le telecamere non sono posizionate sempre negli stessi punti, spesso vengono spostate in diverse zone della Città e sono di ausilio ai vigili urbani che, in borghese, stanno operando numerosi controlli ambientali. “Ma non c’è solo azione di repressione. Quella che stiamo facendo è anche azione di sensibilizzazione per implementare ogni strategia di tutela e valorizzazione della nostra politica ambientale”, ha spiegato l’assessore all’ambiente Marica de Angelis. “Stiamo programmando una serie di appuntamenti settimanali per incontrare i cittadini ed ascoltare le loro esigenze. L’obiettivo è quello di aprire concretamente l’attività dell’assessorato alla città ed alla sua realtà”.

E continua: “In un’ottica di collaborazione, con tutta l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Enrico de Cristofaro - vogliamo parlare con gli aversani, poiché siamo convinti che si possa fare ben poco senza la partecipazione attiva di tutti i soggetti che agiscono sul territorio”.