"Il centrodestra si ricostruisce sui valori"

Luigi Mercogliano: "Non ci interessano i giochi di potere"

il centrodestra si ricostruisce sui valori

La nota politica..

Napoli.  

“Senza un progetto chiaro che parta dalla costruzione di un tavolo di confronto inclusivo incentrato sui valori e su un modello di centrodestra partecipativo e non autoproclamato da chi presume di averne la leadership non ha senso per Fratelli d’Italia-AN aderire ad alcun invito per la tanto decantata unità, né in Campania né a livello nazionale”.

E’ questo il senso delle dichiarazioni di Luigi Mercogliano, leader pro life e pro family che di recente ha aderito al partito di Giorgia Meloni dopo l’esperienza del Family day e la candidatura a sindaco di Napoli alle amministrative 2016, che ha plaudito alla scelta della dirigenza campana di Fdi-AN di disertare l’invito di Forza Italia regionale per la manifestazione di oggi a Palazzo Caracciolo che ha avuto il solo scopo di rimettere insieme il centrodestra in Campania sotto la guida egemone del partito del Presidente Silvio Berlusconi fondando il progetto sui rapporti tra i partiti e non sui programmi e i valori condivisi.

“Non ci interessa – ha ribadito Mercogliano – prendere parte ad una coalizione costruita in funzione degli equilibri e dei giochi di potere nella quale a dare le carte sia, come nel ventennio berlusconiano, sempre e soltanto Forza Italia. Ma, soprattutto, vorremmo sapere – prosegue l’esponente pro family di Fdi-An – sulla base di quali principi e valori si ricompone il quadro politico regionale del centrodestra, considerando che in Forza Italia ed in alcune delle altre realtà convocate all’incontro di oggi ci sono esponenti che in Parlamento in questa legislatura si sono battuti fortemente contro la Famiglia naturale votando leggi come le unioni civili, che sono il grimaldello su cui le sinistre e il Pd vogliono portare a termine l’assalto finale alla famiglia attraverso l’approvazione dell’indottrinamento gender nelle scuole, delle adozioni per tutti, dell’utero in affitto, dell’eutanasia e della droga libera.

Tutti progetti di legge contro i quali ci siamo sempre battuti come esponenti del Family day e dell’associazionismo pro life e che rappresentano per noi il motivo principale per il quale abbiamo aderito al progetto di Giorgia Meloni dopo la conferenza nazionale su ‘Famiglia Welfare d’Italia’ del 17 giugno scorso a Todi in provincia di Perugia, nel corso della quale la leader di Fdi-AN ha chiaramente affermato di voler mettere al centro dell’azione politica del partito la difesa della vita e della Famiglia naturale. Senza idee chiare su quelli che per noi rappresentano i capisaldi di un programma di Governo – conclude Mercogliano – il centrodestra che si vuole presentare agli elettori campani ed italiani fallirà perché non sarà rifondato sui valori ma sugli interessi di parte e per questo bene ha fatto la dirigenza regionale di Fratelli D’Italia- An tramite il Coordinatore regionale Antonio Iannone a rispedire al mittente questo invito, nell’attesa che ci sia presto un chiarimento nazionale”.

Redazione Av