Siccità, imprenditori della Piana in ginocchio: fate presto

L'appello del capogruppo Pd al comune di Eboli.

siccita imprenditori della piana in ginocchio fate presto
Eboli.  

Il Pd di Eboli scrive alla Regione Campania. La questione è quella che tiene banco da diverse settimane: la siccità, che sta mettendo in ginocchio il ricco settore ortofrutticolo della zona.

«La commissione consiliare congiunta Attività Produttive-Ambiente (tenutasi su nostra richiesta nell’aula consiliare del Comune di Eboli) sul problema della siccità che non ha sortito nessuna ipotesi di soluzione - si legge in una nota firmata dal capogruppo Pd al comune di Eboli, Pasquale Infante - da parte dell’Ente Consortile. Nessuna soluzione per un'emergenza che sta mettendo in ginocchio l’intero comparto agricolo ebolitano e l’intera Piana del Sele, il Gruppo Consiliare del PD scrive alla Regione Campania».

«Le tante eccellenze prodotte dal nostro territorio sono a rischio – continua -, dalla mozzarelle di bufala, ai pomodori, alle fragole, alle zucchine, ai meloni, alle angurie, ecc...».

«Gli imprenditori hanno bisogno di aiuto – aggiunge -. I prodotti ortofrutticoli rinomati sia in ambito nazionale che internazionale (che contribuiscono in maniera rilevante al PIL provinciale, regionale e nazionale) difficilmente riusciranno a raggiungere le tavole di tutto il mondo a cause delle difficoltà per gli imprenditori agricoli di irrigare le colture in atto. Siamo in una fase delicatissima della campagna agraria sia di poter garantire l’accrescimento e la maturazione delle tante eccellenze in coltivazione e sia perché è messa seriamente a rischio anche la programmazione delle colture invernali».

«Abbiamo avanzato – continua Infante - in seno alla commissione le nostre proposte al Presidente del Consorzio Destra Sele condivise da tanti imprenditori agricoli ebolitani presenti ma senza avere alcun accoglimento da parte del responsabile dell’Ente consortile.

L’emergenza è solo all’inizio e servono misure ed interventi straordinari come ad esempio prelevare dal Fiume Sele l’acqua e provvedere a pomparla nella rete idrica come sta già facendo il Consorzio Sinistra Sele.

Bisogna cercare presto una soluzione rapida a questa problematica se si vuole evitare il tracollo delle migliaia di aziende agricole presenti sul nostro territorio ebolitano.

Per questo facciamo appello al Presidente della Regione Campania, all’On.le Cascone e al Delegato Regionale all’Agricoltura Avv. Franco Alfieri affinchè possano prendere in mano la situazione ed evitare quindi il fallimento delle tante aziende agricole presenti sul territorio ebolitano e nell’intera Piana del Sele.

Inoltre bisogna far pressione sul Consorzio di Bonifica Destra Sele affinchè riveda l’intero sistema idraulico consortile sfruttando le risorse nazionali e comunitarie disponibili al fine di evitare che questa grave crisi idrica, generata dalle scarsissime precipitazioni dei mesi scorsi, possa ripetersi nel futuro.

Ed infine ringraziamo il delegato regionale per il settore agricolo Franco Alfieri, il Presidente De Luca e Cascone, per essersi attivati da subito sulla questione, tanto che la Giunta della Regione Campania ha già provveduto a richiedere al Ministro Martina il riconoscimento dello stato di calamità naturale per l’intero territorio regionale».