"Scoperto un innovativo trattamento della rosacea"

Si basa sulla biofotonica. La Campania tra le prime regioni a renderla disponibile

scoperto un innovativo trattamento della rosacea

Scoperto un innovativo trattamento della rosacea che si basa sulla biofotonica. La Campania tra le prime regioni a renderla disponibile...

 

Il Trattamento Rosacea Kleresca® utilizza l’energia luminosa fluorescente (Fle) per stimolare il processo di autoriparazione della pelle e ridurre i segni e i sintomi della rosacea. Uno studio clinico appena pubblicato dimostra l’efficacia di questo trattamento che è decisamente meno invasivo rispetto alle soluzioni oggi disponibili e può essere utilizzato in tutte le stagioni dell’anno. 

 

La rosacea è una malattia infiammatoria della pelle che colpisce le aree centrali del viso e di cui non si conoscono le cause e non esiste al momento una cura definitiva. Tra i fattori scatenanti della condizione, che si manifesta principalmente con rossore persistente ed eritema, vi sono il freddo e il vento - che proprio in questi giorni sono tornati a farsi sentire - l’esposizione al sole, l’assunzione di alcol e alcuni tipi di cibo. Il suo impatto psicologico ed emotivo è in genere molto significativo, tanto da ostacolare relazioni sociali e lavorative, e si stima che in Italia siano 3,2 milioni le persone che ne soffrono, mentre a livello globale sarebbero 415 milioni.

Il Trattamento Rosacea Kleresca® si basa sulla tecnologia biofotonica che si ispira alla fotosintesi e rappresenta un avanzamento innovativo nella fotobiomodulazione, cioè l’interazione della luce – in questo caso sottoforma di energia luminosa fluorescente – con le cellule della pelle di cui ne stimola i naturali processi biologici e di auto-riparazione.

La tecnologia combina l’azione della luce blu emessa da una lampada a led con i cromofori contenuti in uno speciale gel, applicato sul viso del paziente, che la convertono in energia luminosa fluorescente: questa penetra delicatamente la cute, andando a stimolare le sue cellule. Studi hanno dimostrato come questa innovativa tecnologia offra un’elevata efficacia e sicurezza nel gestire la patologia di diverse condizioni della pelle, inclusa la rosacea.

Il trattamento è sviluppato per intervenire sui sintomi e segni della rosacea in modo delicato e senza perdite di tempo, in tutti i periodi dell’anno, anche quando vi è un’elevata esposizione al sole. Non causa reazioni da fotosensibilità ed è adatto anche per pazienti che presentano un’alta sensibilità cutanea. Gli effetti positivi della terapia sono solitamente visibili dopo le prime sedute e i miglioramenti tendono ad accentuarsi nel lungo periodo con il suo progredire.

Disponibile presso cliniche selezionate, questa innovativa tecnologia si ispira alla fotosintesi e sfrutta gli effetti dell’energia luminosa fluorescente per stimolare i naturali processi biologici e di autoriparazione delle cellule della cute. Questo processo permette di ridurre i segni e i sintomi della rosacea  –  una malattia cronica della pelle che colpisce il viso con un grosso impatti anche da un punto di vista emotivo e psicologico – in maniera non invasiva e delicata. Della rosacea non si conoscono le cause in maniera certa, ma il freddo e il vento sono tra i fattori che la scatenano ed aggravano proprio in questo periodo dell’anno.