Il procuratore Cafiero de Raho: "Tanto di cappello"

Premio Sublimitas 2020. Ad Ariano il numero uno nazionale antimafia

il procuratore cafiero de raho tanto di cappello

Un premio dedicato ai valori umani e professionali delle genti del Sud...

Ariano Irpino.  

"Tanto di cappello agli organizzatori. Onorato di essere premiato con nomi di alta e indiscussa professionalità".

Così il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho appena ha ricevuto l'ufficialità della data della prestigiosa premiazione alla carriera organizzata da Peppino Colarusso presidente nazionale della Fibes.

Il Sublimitas giunto alla ventunesima edizione si terrà sabato 7 marzo 2020, alle ore 20, presso il complesso Incontro di Ariano. Cafiero de Raho si è detto lusingato di ricevere il riconoscimento insieme a personalità del calibro di Michele Maria Spina, dirigente Compartimento Polfer Campania, Gaetano Manfredi rettore della Federico II di Napoli e ancora Filippo Spiezia vice presidente EuroJustice, Emanuela Sica avvocato e nota scrittrice che proprio in questi giorni ha scritto e inciso una canzone dedicata alle donne curde combattenti in Siria, Mimmo Raimondo presidente del consorzio mozzarella di bufala campana dop.

Di altissimo spessore è il livello degli altri premiandi: Antonello Perillo della TgR Campania, Aldo De Francesco de Il Mattino, Rossella Miccio presidente di Emergency, Emanuela Sica avvocato e scrittrice. "Sto davvero in ottima compagnia- ha infine esclamato Cafiero de Raho-. Grato all'Irpinia terra di eccellenze che sa distinguersi per laboriosità".

E in effetti Peppino Colarusso ha ideato a suo tempo il Sublimitas proprio per mettere in risalto i valori umani e professionali delle genti del Sud.

Ma eccolo l'elenco ufficiale dei premiandi:

Federico Cafiero de Raho, procuratore nazionale antimafia, il questore Michele Maria Spina, attuale dirigente del Compartimento Polfer della Campania, Gaetano Manfredi, rettore della Federico II di Napoli, Filippo Spiezia, vice presidente di Euro Justice, Rossella Miccio, presidente di Emergency, Mimmo Raimondo, presidente del Consorzio mozzarella di bufala campana dop, Aldo De Francesco, giornalista, Antonello Perillo, capo redattore della TgR Campania, Emanuela Sica, avvocato e scrittrice impegnata nella campagna di sensibilizzazione sociale contro la violenza di genere, Pio Santoro, chirurgo ortopedico di chiara fama, Pasquale Del Vecchio, dirigente scolastico di lungo corso.

Menzione speciale a: Ornella Moschella, psicanalista e neurologa, Ambra Vitiello, soubrette dalla bellezza mediterranea e dal fascino mozzafiato, Piero Petroccione, ottico e dipendente Asl, Angelo Cerulo, direttore Ansa per la Campania e sannita verace, Antonio Criscuoli, pianista, Linda Petriccione, soprano.