"False certificazioni Iso", terzo rinvio udienza in 9 mesi

A dicembre la 'preliminare' per sedici persone di cui è stato chiesto il rinvio a giudizio

false certificazioni iso terzo rinvio udienza in 9 mesi
Benevento.  

Slitta ancora – è il terzo rinvio in nove mesi, stavolta per un'istanza di due difensori – l'udienza preliminare a carico delle sedici persone per le quali la Procura ha chiesto il processo in un'indagine della guardia di finanza sul rilascio delle certificazioni Iso, che attestano la 'qualità' delle imprese.

Il nuovo appuntamento, in programma l'11 dicembre dinanzi al gup Gelsomina Palmieri, riguarda legali rappresentanti, amministratori e consulenti della Inq e di decine di società, anche individuali, che operano in diversi settori – prevalentemente quello delle costruzioni – e sono disseminate in più regioni italiane.

Associazione per delinquere e falso le accuse contestate a vario titolo in un'inchiesta che, supportata da intercettazioni telefoniche e testimonianze, è stata centrata su fatti che si sarebbero verificati tra il 2013 ed il 2015, ed ha puntato l'attenzione sulla Inq, una società di Benevento che svolge attività di organismo internazionale di certificazione.

Nel mirino è finito il rilascio di presunte false certificazioni Iso. Certificazioni che gli inquirenti ritengono contraffatte in riferimento alla predisposizione della documentazione di audit; in pratica, non sarebbero state operate le verifiche necessarie.

L'elenco degli imputati include Roberto Gentilini, 72 anni, di Castel Gandolfo; Mario Amedeo D'Acunto, 63 anni, di Roma; Paola Gentilini, 43 anni, di Castelcampagnano; Leonardo Russo, 49 anni, di Benevento; Ermanno Marzano, 78 anni, della provincia dell'Aquila; Lucia Menna, 32 anni, di Cervinara; Andrea Spinosi, 45 anni, di 'Napoli; Roberto Marco Rondinella, 49 anni, della provincia di Catania; Rosa Rossini, 50 anni, di Portici; Rossana Natale, 60 anni, di San Prisco; Ivan Artale, 46 anni, di Caserta; Antonio Grillo, 29 anni, di Marcianise; Alfonso Dabanello, 53 anni, di Marcianise; Massimiliano Angeli, 46 anni, di Foligno; Flavio Mangiapane, 39 anni, della provincia di Agrigento, Francesco Talone, 24 anni, della provincia di Roma, difesi dagli avvocati Vincenzo Gallo, Luigi Cavalli, Salvino Mondello, Valeria Crudo, Camillo Cancellario, Gaetano Fusco, Simone Marchese, Gianfranco Carbone, Andrea Piccolo, Bernardino Lombardi, Danilo Giracello, Luca Petrucci, Alberto Maria Onori.