In & Outil commento di Sonia Lantella

Pari al Vigorito. Ottima prova di Letizia. Regalo di Cistana

L'esterno sannita è costretto ad uscire dal campo per infortunio dopo la bella prova

pari al vigorito ottima prova di letizia regalo di cistana

Un punto a ciascuno. E' pari al Vigorito tra Benevento e Brescia. I lomabardi vanno in gol e sperano di tornare a casa con tre punti in tasca ma a rovinare la festa è un loro 'membro'  Cistana che per un secondo veste la maglia del Beneventio e cosente ai giallorossi di chiudere questo girone di andata con il quarto risultato utile consecutivo. 

IN - Peccato che al 22’ della ripresa è stato costretto ad uscire dal campo per un fastidio fisico. Sicuramente Gaetano Letizia è stato uno dei migliori in campo con la maglia della strega. Sempre molto propositivo sulla fascia destra. Spinta e e cross interessanti per i suoi compagni d’attacco. Con la sua uscita, Bucchi è stato costretto al secondo cambio forzato dopo quello di Antei che ha dovuto lasciare il posto a Billong, per lui giallo e squalifica per la prossima giornata. Bene ancora una volta Del Pinto che seppur con caratteristiche diverse da quelle di Viola, in nome di un centrocampo più muscolare, è riuscito comunque a garantire quantità e corsa. Sicuramente è uno degli acquisti di questo periodo dopo il lungo stop per infortunio. Al 32’ esce per l’inserimento di Asencio.

OUT - Lo avremmo potuto inserire nella lista degli In per il Benevento, ma sicuramente è stato la bestia nera per la sua squadra, il Brescia. In vantaggio, grazie ad un gol di Torregrossa, i lombardi si vedono raggiungere per mano di Cistana. Clamorosa l’autorete del numero 15 che poi viene richiamato in panchina per dargli modo di recuperare serenità ed evitare così altri danni. Male anche Maggio. Perde un pallone importante nell’azione che determina la rete del Brescia. Fa rimpiangere ancora più l’uscita di Letizia. Ed è la dimostrazione che i tempi per lui non sono ancora maturi. Dulcis in fundo, non poteva non finire in questa lista il signor Rapuano. Ammonisce Improta per simulazione, in realtà era netto il fallo sul numero 16 da parte di Sabelli. Insomma sarebbe stato rigore per la strega, altra ingiustizia. E pensare che il direttore di gara ha origini beneventane. Per lui però solo cori negativi: venduto! Hanno gridano i tifosi.