Punto di vistail commento di Pierluigi Melillo

Caro Feltri, se non riparte il Sud è un guaio per il Nord Est

Una frase contro i "terroni" nel governo Conte suscita irritazione. E' la solita provocazione...

caro feltri se non riparte il sud e un guaio per il nord est

Sarà pure vero che il clima d'odio ce lo lasciamo alle spalle con questo nuovo governo, quello più a sinistra della storia del nostro paese. Almeno così dicono. Anche se non si capisce più cosa sia di destra e cosa di sinistra, come ci ricordava Gaber in una canzone che demoliva gli stereotipi delle ideologie del passato. Ma che dite delle nuove discriminazioni verso i meridionali? Quello che scrive il direttore Vittorio Feltri è più comico che offensivo, una frase che sembra scritta negli anni sessanta quando i meridionali cercavano fortuna al Nord. "Lasciamo a Conte il suo zoo pieno di terroni e ostile al Nord che li mantiene tutti", scrive Feltri, calpestando l'onestà intellettuale di una schiera di giornalisti cresciuti all'ombra di un cronista saggio e ispirato come Indro Montanelli. Ci vengono in mente i cartelli, appiccicati sui portoni delle case del nord est: "Qui non si fitta ai napoletani". Peccato, Feltri è persona intelligente e di grande esperienza, ma negli ultimi tempi sembra sempre alla ricerca della frase a effetto che fa discutere e che deve provocare quasi automaticamente una reazione rabbiosa nelle popolazioni meridionali. Ci prova, insomma per acchiappare copie e click. Ha fatto lo stesso per la nuova psicosi del colera che si rivelò una bufala. Che pena. Da Salerno c'è già chi ha annunciato di volerlo querelare. Ma a che serve? Il discorso vero è capire oggi se in alcuni ambienti del nord del paese, quelli - per intenderci - più vicini alla Lega, si stia alimentando un sentimento anti meridionale solo perché il Capitano Salvini ha perso la poltrona per un ribaltone che lui stesso ha provocato con una tattica suicida. Nel frattempo speriamo nello "zoo di terroni" al governo. Almeno che riescano a riportare il Sud al centro dell'agenda dell'esecutivo. Perché, caro Feltri, se non riparte il Mezzogiorno è un bel guaio anche per i cummenda del nord est.