Famiglie e bambini in prima linea: torna Porto di parole

Il villaggio "CittaStorie" prende vita a Salerno, tante le novità della nuova edizione

famiglie e bambini in prima linea torna porto di parole
Salerno.  

Presentata la settima edizione di “Porto di parole, la bottega delle narrazioni differenti”, la manifestazione dedicata al fantastico mondo dei racconti per grandi e piccini. Dal 30 maggio al 1 giugno il quartiere di Santa Margherita di Salerno si trasformerà in un vero e proprio villaggio, una “CittaStorie”, dove i protagonisti saranno i bambini e le famiglie.

“Il bello della manifestazione è anche quello di aver dato un polo culturale dislocato alla città, Porto di parole rappresenta l'unica realtà culturale per bambini, un evento che rende la cultura democratica e ad appannaggio di tutti, i tanti spettacoli ed eventi saranno completamente gratuiti” dichiara Renato De Rosa, responsabile della Libroteca “Saremo Alberi”, organizzatrice dell'evento. “Dopo sette anni l'importanza dell'evento si vede anche dagli ospiti internazionali che avremo. Un evento non solo per bambini, ma anche per famiglie, in cui tutti saranno coinvolti e diventeranno protagonisti” conclude De Rosa. L'arte, la musica, la danza e la narrazione di ogni tipo saranno solo alcune delle attività che questa ricca tre giorni di eventi ha in programma. Tante sorprese e altrettante novità contribuiranno a rendere la nuova edizione di Porto di parole un evento da non perdere. “E’ una bella iniziativa che si ripropone di anno in anno. Credo che sia un modo per coinvolgere le giovanissime generazioni in un ragionamento di senso civico che credo sia assolutamente indispensabile” ha commentato il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli.

Si parte con giovedì 30 maggio alle ore 9, gli oltre 1000 ragazzi delle scuole che hanno aderito all'evento assisteranno e prenderanno parte all'incontro-festa con le due autrici Roberta della Fera e Sabrina Rondinelli. Nel pomeriggio, l'apertura del villaggio vero e proprio pronto ad accogliere i numerosi visitatori desiderosi di dare spazio alla fantasia. Alle ore 18 ci sarà Oreste Castagna con il suo spettacolo “Trilogia di Oscar Wilde”, ad accompagnare la performance sarà il maestro Ciro Caravano con musica dal vivo. A seguire, alle 20.30, in programma il decoro del grande Albero della Pace e per concludere la serata con il Video Mapping a cura di Andrea Bisconti. L' artista ha lavorato con aziende ed organizzazioni artistiche prestigiose tra cui l’Orchestra stabile di Arezzo, Maserati, Rai ed XFactor Italia, e curerà la proiezione di “Parole in Ordine” il progetto della Commissione Pari Opportunità dell’Ordine dei Giornalisti della Campania a partire dalle 20 e 40.

Si prosegue con venerdì 31 maggio. Il villaggio sarà aperto dalle ore 9 ed accoglierà gli studenti che prenderanno parte ai tanti laboratori proposti. Dalle 18 e 30 ogni angolo della piazza proporrà uno spettacolo diverso, ad accogliere i visitatori ci saranno i mimi del Teatro della Ribalta. Sei saranno gli spettacoli che contemporaneamente andranno in scena sul posto, rendendo i tanti visitatori non solo spettatori passivi, ma veri e propri protagonisti della performance:
- Il cantastorie Michele Neri con il suo “Chi ha paura del lupo cattivo?”,
- Il Teatro Pan con “Imbuteatro”, una performance di narrazione orale durante la quale le due attrici incantano lo spettatore prescelto raccontando piccole storie arricchite da un sorprendente universo sonoro realizzato con degli imbuti,
- CreaNatura con “Il discensore della terra” per un viaggio tra le meraviglie delle scienze naturali e della matematica ma anche delle arti visive e dell’illustrazione,
- La scuola di fumetto Comix Ars,
- La Compagnia della Settimana Dopo con “Bicicaffè”, una miscela purissima di caffè e teatro di strada in pratica uno spettacolo interattivo unico nel suo genere,
- Stalker teatro con “Steli”, una perfomance interattiva dal forte impatto visivo che rientra nel ciclo “Reaction”, un progetto sperimentale che indaga il rapporto fra arti visive e teatro.
Alle 19 Gianluca Gerlando Gentiluomo si esibirà con lo spettacolo “Sale – spectacle de cirque, musique ed cordes d’amour” all'insegna della trasformazione e del rinnovamento. Alle 20 Sicurteatro presenterà “Pindarico”, un insieme di improbabili incontri messi in scena dalla bravura degli artisti che propongono un volo in bilico tra il reale e l’immaginario con creature straordinarie. La serata proseguirà con la Old Jazz Orchestra, la micro big band composta da Teresa Tomasine e Antonio che ha calcato le scene americane per oltre mezzo secolo. Alle 22 Creme & Brulè incanterà grandi e piccini con lo spettacolo di fuoco “Viaggio al centro della terra”.

Per l'ultimo giorno della kermesse culturale ed artistica si parte alle 18 con un “aperitivo letterario”. Gianluca Gerlando Gentiluomo andrà in scena con “Sale” alle 18.45 . Al seguire il Coro Pop di Salerno, diretto dal maestro Ciro Caravano. Atteso il momento del grande coro dei bambini, dai 4 ai 10 anni, che si esibirà in un'unica straordinaria canzone a cappella. Alle 20 ci sarà lo spettacolo itinerante “Hathi”, un grande elefante che cammina a ritmo della musica indù. Alle 20.30 occhi puntati sul teatro disegnato di Gek Tessaro con “Il circo delle nuvole”, selezionato tra i migliori 250 libri del mondo dalla Internationale Jugendbibliothek di Monaco di Baviera. Alle 21.15, la replica di Gianluca Gerlando Gentiluomo in “Sale” ed alle 21.45 gran finale con lo spettacolo di danza verticale dei Cafelulè.

La manifestazione segue un programma equilibrato che propone ogni giorno delle grandi attrazioni e importanti momenti di arricchimento culturale senza mai tralasciare il gioco, la fantasia e l'arte in ogni sua forma.
L'evento è organizzato da Saremo Alberi libroteca con il contributo della Regione Campania, della Scabec, del comune di Salerno, del comune di Pontecagnano, fondazione della comunità Salernitana Onlus ed il patrocinio dell’ordine dei giornalisti della Campania – commissione pari opportunità. La direzione artistica è firmata in collaborazione con Andrea Ballabio ed i Nuovi Scalzi.