Tutto pronto per il festival del noir a Castel San Giorgio

Torna la due giorni dedicata ai delitti e l'atteso premio Jean Claude Izzo

tutto pronto per il festival del noir a castel san giorgio
Castel San Giorgio.  

Due giorni di festival, il 28 e 29 settembre, nello splendido scenario di Villa Calvanese nel comune di Castel San Giorgio. Torna il “Festival Città Noir - Premio Jean Claude Izzo”, la manifestazione dedicata al noir giunta alla sua seconda edizione. Quest’anno il ricco programma della due giorni promette di soddisfare le esigenze di grandi e piccini aumentando anche il suo raggio d'azione. Cultura, arte, musica e gastronomia saranno le tematiche protagoniste della manifestazione.

Ad aprire le danze, sabato 28 settembre, alle ore 10:30, la mostra “Fumetto Noir” a cura dell’artista Valeria Burzo, a seguire la visione del documentario “Noir Mediterraneo”.
Alle ore 18:30 grande attesa per il “Premio Jean Claude Izzo” che vedrà la partecipazione di due grandi ospiti: Giancarlo De Cataldo e Piera Carlomagno. Prevista per le ore 20:00 la cerimonia di intitolazione della sala polifunzionale a Jean Claude Izzo.

Si chiude in chiave gastronomica la prima delle due giornate di festival, con “Il Giallo in cucina”, una degustazione di piatti e prelibatezze realizzate con prodotti tipici. Il tutto sulle note della Margot Live Band in concerto.

Il Festival pensa anche ai più piccoli, ed ecco in programma l’evento “Bimbi in Villa” che alle ore 10:30 sancirà l’inizio della seconda giornata della rassegna. Alle ore 18:30 spazio agli illustri ospiti Gaetano Di Vaio e Nicola Oddati che con Marcello Ravveduto e Giorgio Mottola discuteranno del “Noir Metropolitano”. A seguire l’assegnazione del Premio Città Noir. Il buon cibo, grazie alla degustazione “Profondo Rosso” e le sonorità della musica live di Enzo Moretto e la sua “A Toys Orchestra” concluderanno la rassegna.

“Valorizzare un comune – ha dichiarato il sindaco Lanzara - significa, a mio avviso, valorizzarne la storia, le tradizioni, i talenti. Possiamo dire che Castel San Giorgio, da questo punto di vista, è una città rinata, viva ed ambiziosa. Città Noir è diventato non solo un appuntamento culturale, ma anche un tratto identitario della nostra comunità, capace di mantenere viva l’opera di uno scrittore figlio della nostra terra quale Jean Claude Izzo, creando un vero laboratorio culturale, dove sperimentare, confrontarsi e condividere una passione. L’edizione 2019 ci riserva ospiti d’eccezione, senza perdere di vista la valorizzazione dei giovani e della loro creatività. Il mio personale ringraziamento va per questo a tutti coloro che stanno sostenendo questo progetto ed in particolare alla Regione Campania ed all’Università di Salerno che stanno costruendo una sinergia significativa con l’ente su tanti fronti ed anche di questo siamo orgogliosi”.

Immaginare un format, multidisciplinare, interamente dedicato al noir era sicuramente un progetto ambizioso, ma oggi possiamo dire che la scommessa è vinta. – ha esordito l’assessore alla cultura, Antonia Alfano - Città Noir sta diventando un appuntamento riconoscibile e riconosciuto nell’ambito di un filone culturale, sempre più apprezzato. In occasione del Festival rilanceremo anche il concorso letterario “Premio Jean Claude Izzo”, in omaggio al padre del Noir Mediterraneo, alle sue opere ed alla sua eredità. Quest’anno sia la Regione Campania che l’Università Degli Studi di Salerno hanno sposato il progetto, riconoscendone originalità e valore”.

“Quest’anno il festival cerca di investigare il rapporto tra la pagina, la parola scritta e l’immaginario cinematografico. – ha concluso il direttore artistico della rassegna Massimiliano Amato - Da qui, la decisione di assegnare il Premio “Jean Claude Izzo” ad alcuni tra i più meritevoli autori di best-seller di fama internazionale, da cui sono stati tratti successivamente film e serie televisive. Su tutto domina il tema del noir metropolitano, che ha avuto i Jean Claude Izzo un interprete straordinario”.