Mediazione civile e commerciale, confronto nazionale a Salerno

Avvocati e professionisti si ritroveranno al grand hotel per l'evento di Concilia Lex Spa

mediazione civile e commerciale confronto nazionale a salerno
Salerno.  

Dopo Napoli, Firenze e Roma la Giornata Nazionale della Mediazione Civile e Commerciale approda a Salerno. Il 18 Ottobre, a partire dalle 15.00, mediatori, avvocati e professionisti si riuniranno al Grand Hotel per l’evento organizzato da Concilia Lex Spa, organismo di mediazione con oltre 50 sedi in tutto il territorio nazionale.

Prestigioso anche quest’anno il parterre dei relatori. Saranno presenti, infatti, il giudice del tribunale di Vasto, Fabrizio Pasquale, il presidente del tribunale di Firenze, Marilena Rizzo, la professoressa Paola Lucarelli, docente presso l’Università di Firenze e autrice di un volume sulla mediazione insieme al premier Giuseppe Conte, il professore Marco Marinaro, avvocato cassazionista ed esperto di ADR. A moderare gli interventi l’avvocato e formatore Giampaolo Di Marco. 

"Il nostro evento rappresenta ormai un appuntamento fisso nel calendario degli appuntamenti nazionali - commenta la dottoressa Elisa Di Martino della Concilia Lex - . L’obiettivo è quello di fare advocacy sul tema della mediazione, coinvolgendo tutti gli attori del sistema e stimolando il dialogo su prospettive ed orizzonti dell’istituto, anche alla luce della ventilata riforma del processo civile".

La manifestazione ha ottenuto i patrocini di Confindustria Salerno, dell’Ordine degli Avvocati e dell’Ordine dei Commercialisti ed Esperti Contabili di Salerno. "Siamo al fianco di questo evento perché ne condividiamo le finalità e gli obiettivi - spiega il Presidente dell’Odcec Salerno, Salvatore Giordano - . E’ importante per i professionisti che afferiscono al nostro ordine conoscere ed approfondire le potenzialità dello strumento della mediazione civile e commerciale, che si inserisce nel solco dei metodi alternativi di risoluzione delle controversie e va nella direzione del processo breve. Snellire i procedimenti, agevolare accordi anche extragiudiziali e affiancare il cliente o l’azienda con un approccio consulenziale deve rappresentare l’orientamento della nostra professione".