Foto e cartoline di Salerno, appuntamento con "Divagazioni"

L'incontro con il professore Nicola Oddati si terrà a Palazzo Natella

foto e cartoline di salerno appuntamento con divagazioni
Salerno.  

Una visione inedita di Salerno e del suo ruolo politico e culturale nella storia. Un viaggio lungo una vertigine temporale, linea di confine spinta verso la contemporaneità, tra passato e nuovi scenari futuri. Il senso del margine, del vissuto, ma soprattutto la centralità di Palazzo Natella. Prosegue così “Divagazioni”, la rassegna promossa da “Salerno Vittoria Spazio Cultura”.

Appuntamento oggi pomeriggio alle ore 17.30, in via Roma, negli spazi di Palazzo Natella, da alcuni mesi sede del nuovo ristorante McDonald’s di Salerno, protagonista del secondo appuntamento in cartellone sarà il professore Nicola Oddati, storico, presidente del museo dello sbarco e Salerno Capitale.

Un racconto di Salerno per immagini, attraverso fotografie e cartoline appartenenti alla collezione privata e all’archivio storico del professore Oddati.

Un dialogo che vedrà il professore interagire con la  docente Laura Patrizia Cagnazzo e il giornalista Gabriele Bojano, esponenti del comitato organizzatore, composto da giornalisti, intellettuali ed esperti del mondo dell’impresa, tra cui anche Francesco Saverio Coppola, Fiorentino De Luca, Stefano Giuliano, Agostino Ingenito, Barbara Landi, Maria Rosaria Zinno.

Da Salerno allo scenario nazionale, per favorire la critica culturale, in linea con gli emergenti trend internazionali.

È fondamentale oggi ripensare i luoghi di aggregazione e dar vita a spazi aggregativi multifunzionali – sottolinea la professoressa Laura Patrizia Cagnazzo – L’incontro con il professore Oddati sarà soprattutto una riflessione sulla microstoria per raccontare il vissuto della città di Salerno: le persone, la loro sensibilità, le percezioni, testimoniate attraverso un ampio repertorio di lettere. Non sarà una lezione cattedratica, ma ci soffermeremo sulle curiosità, sullo sbarco alleato, sulla tragica alluvione, sul rapporto tra Napoli e Salerno nel risvolto sociale. Far rivivere uno spazio storico, quasi la rivisitazione di un vecchio cafè chantant”.

Gli incontri proseguiranno il 21 novembre con Paola Torrente e il 5 dicembre con Yari Gugliucci, attore salernitano di ritorno dagli Usa, come sempre ad ingresso gratuito.