Al Positano Teatro Festival, arriva Goran

Profugo Croato, fuggito in Italia dopo i fatti del 1991

al positano teatro festival arriva goran

Un ulteriore successo che ha infiammato il pubblico di Nocelle

Positano.  

"Due vite a confronto: Goran, profugo Croato, fuggito in Italia dopo i fatti del 1991, e lui, Caharles Aznacour, un figlio di profughi armeni. Un giovane disperato che guarda alla vita di uno che ce l'ha fatta, il mito della sua infanzia e dell'amata madre, vittima della violenza durante la guerra civile. Il testo, scritto a quattro mani da Gianmarco Cesario ed Antonio Mocciola, è reso dal'interprete e regista Massimo Masiello con forte coinvolgimento emotivo, a le musiche di Aznavour fanno da giusto contrappunto alle tragiche vicende. In scena, con Masiello, tre bravissimi musicisti, Mariano Bellopede (autore anche degli arrangiamenti) al piano, Giuseppe Fiscale al contrabasso e Giosy Cincotti alla fisarmonica.

E per il Positano Teatro Festival, diretto da Gerardo D'Andrea, un ulteriore successo che ha infiammato il pubblico di Nocelle",