Omicidio Bellizzi: la verità dall'autopsia

Domani sarà conferito l'esame al medico legale, Elena Picciocchi, che eseguirà l'esame autoptico.

omicidio bellizzi la verita dall autopsia
Avellino.  

 

di Andrea Fantucchio 

Domani pomeriggio sarà conferito l’incarico al medico legale, Elena Picciocchi, che si occuperà di eseguire l’autopsia sul corpo della 78enne, Giuseppina Bellizzi, rinvenuta senza vita giovedì mattina, nella camera da letto dell’abitazione di San Tommaso dove abitava da sola. Per l’accaduto è indagato il fratello Luigi, 71 anni, accusato anche del tentato omicidio, dell’altro fratello Gennaro.

L’esame autoptico, che dovrebbe essere eseguito già nel pomeriggio di domani, chiarirà le cause del decesso. A partire dalle modalità dell’omicidio. Gli elementi emersi durante l’esame esterno del cadavere sono compatibili con una morte violenta per soffocamento, probabilmente con l’utilizzo di un cuscino. Proprio sulla presunta arma del delitto saranno realizzati altri accertamenti.

Ieri l’indagato non ha risposto alle parole del gip, Fabrizio Ciccone. Dopo aver pronunciato una serie di frasi sconnesse. La difesa, condotta dall’avvocato Roberto Romano, è pronta a chiedere una perizia psichiatrica per stabilire la capacità di intendere e di volere del 71enne e quella di sostenere un eventuale giudizio in aula.

Durante le indagini i carabinieri di Avellino, diretti dal luogotenente Bruno Ronca, hanno ascoltato una serie di testimoni. Il fratello minore dell’indagato che ha raccontato di essere stato raggiunto a casa dal 71enne, che lo avrebbe convinto a scendere spiegandogli che la sorella non stava bene. Il 68enne ha raccontato che – dopo essere arrivato nella camera da letto di Giuseppina – è stato accoltellato dal fratello. Alcuni familiari hanno descritto il 71enne come burbero e violento. Anche i vicini hanno raccontato di aver sentito, in più occasioni, fratello e sorella che litigavano. La difesa ha ribadito come l’uomo sia incensurato e come adesso abbia bisogno di una assistenza medica dedicata, proprio alla luce del forte stato confusionale.