Accende la luce, esplode la casa: muore davanti al figlio

Ricostruita la drammatica esplosione avvenuta a Santa Paolina

accende la luce esplode la casa muore davanti al figlio

Forse una stufa a gas malfunzionante ha causato la deflagrazione

Santa Paolina.  

Un boato terribile, le fiamme, il fumo. La stanza devastata da quella deflagrazione, udita a centinaia di metri da molte persone, e il corpo di un anziano senza vita. E’ la sequenza agghiacciante di una domenica drammatica in Irpinia, per una esplosione avvenuta in una casa di campagna a Santa Paolina, in cui è morto un anziano di 90 anni. Pinamonte Barberio, questo il nome della vittima del drammatico incidente che si è consumato in una casa isolata. L’uomo è stato travolto dalla deflagrazione.  Per lui nessuno scampo. Il figlio di 55 anni è rimasto ferito, ma non corre pericolo di vita.

Pinamonte avrebbe acceso la luce e avrebbe innescato l’esplosione nella stanza satura di gas. Una fuga dovuta forse all’utilizzo di una stufa malfunzionante. Ma saranno i rilievi dei carabinieri ad accertare la causa dell’esplosone. La tragedia si è verificata in contrada Viturano. Immediato anche l’arrivo sul posto dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale e dei medici del 118, che altro non hanno potuto fare che constatare il decesso dell’anziano. Durante i rilievi è stata sequestrata una stufa alimentata con una bombola a Gpl. Potrebbe essere stata proprio la stufa a generare la fuga di gas, che ha scatenato l’inferno in casa.

Per il figlio 55enne di Pinamonte Barberio fortunatamente ustioni a volto e mani. Il figlio avrebbe tentato disperatamente di salvare il padre. Inutilmente. Il 55enne lo ha visto morire davanti ai suoi occhi.

La notizia ha fatto rapidamente il giro del paese. La comunità di Santa Paolina è sotto choc. L’immobile è stato messo in sicurezza dai Vigili del fuoco, e dichiarato momentaneamente inagibile. La casa è stata seriamente danneggiata. mura divelte, mobili e suppellettili devastati, vetri e porte rotte. La comunità di Santa Paolina si è stretta intorno alla famiglia, per portarle supporto e vicinanza. Nelle prossime ore si attende che la salma del novantenne sia liberata per poter celebrare i funerali.