Droga, scacco al clan: 21 arresti

Operazione della Dda in due province: sgominata un'organizzazione criminale

droga scacco al clan 21 arresti
Santa Maria Capua Vetere.  

Operazione dei Carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere, diretta dalla Dda di Napoli, tra le province di Napoli e Caserta: 21 le misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere dedita all’acquisto, detenzione e cessione di sostanze stupefacenti del tipo cocaina ed hashish,  nonché di plurimi episodi, anche in concorso, di detenzione e spaccio delle medesime sostanze.
Le indagini erano partite nel 2017, con intercettazioni telefoniche e ambientali, dichiarazioni degli acquirenti e di uno degli indagati, oltre ad appostamenti, perquisizioni e arresti.
Nella nota della Procura si legge che le indagini hanno consentito di “contestare l’esistenza di un’organizzazione criminale riconducibile alla famiglia Del Gaudio (cd. Bellaggiò), operativa nel territorio di Santa Maria Capua Vetere, dedita  all’acquisto, detenzione e cessione di sostanze stupefacenti del tipo cocaina ed hashish; individuare, nell’ambito della citata famiglia, due sottogruppi riconducibili a due dei fratelli che, pur condividendo le vicende inerenti al reperimento della sostanza stupefacente da immettere sul locale mercato, provvedevano autonomamente a collocare lo stupefacente presso i diversi spacciatori; appurare che i pusher, vincolati all’acquisto della droga da spacciare dal gruppo dei Del Gaudio ed al prezzo dagli stessi imposto, provvedevano poi a distribuirla ai propri clienti attraverso il sistema del lavoro “a privato”, cedendo le singole dosi di stupefacenti a favore di clienti consumatori, dietro ordinazioni a mezzo telefono; rilevare che la consegna degli stupefacenti, previa acquisizione del prezzo pattuito, avveniva in luoghi concordati del comune sammaritano (es. all’esterno dell’anfiteatro campano, nonché di noti Bar) e dei paesi limitrofi; riscontrare come uno dei partecipi, uomo di fiducia del capo-promotore, si occupasse anche di recuperare le somme inerenti alla cessione dello stupefacente dai singoli pusher; trarre in arresto in flagranza di reato 4 persone e sottoporre a sequestro diversi quantitativi di sostanze stupefacenti.

I contenuti delle conversazioni captate, che avvenivano attraverso un linguaggio criptico e convenzionale, decodificato dai Carabinieri (lo stupefacente veniva indicato facendo ricorso a termini del tipo “auto”, “macchine”, “scarpe”, “tuta”, “telefoni”), hanno consentito di appurare e fotografare le modalità con cui gli indagati realizzavano l’illecita attività.

Il G.I.P, condividendo l’impianto accusatorio avanzato dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, sia in relazione ai gravi indizi di colpevolezza, sia alle esigenze cautelari, ha disposto per gli indagati la misura della custodia cautelare in carcere e quella degli arresti domiciliari.”