«Io odio i parcheggiatori abusivi». Aggredito e schiaffeggiato

Nuova aggressione per Borrelli dei Verdi

io odio i parcheggiatori abusivi aggredito e schiaffeggiato
Napoli.  

 

di Siep

«Il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, è stato aggredito, schiaffeggiato e insultato questa mattina al corso Meridionale all'altezza di una gioielleria da una persona che gli ha anche intimato di non presentarsi più in quella strada e ha tentato di sequestrargli il cellulare». Ne hanno dato notizia i Verdi della Campania, spiegando che «la colpa di Borrelli è stata quella di segnalare e riprendere la sosta selvaggia, in doppia e tripla fila, sulle strisce pedonali e davanti alle fermate dei bus di numerose automobili che bloccavano il traffico, a quell'ora sempre particolarmente caotico su quella strada». Borrelli dopo l'aggressione ha chiamato la polizia che è intervenuta identificando l'aggressore 

Borrelli era già stato aggredito in primavera in via Marina, nei pressi di una nota cornetteria, mentre svolgeva un servizio di denuncia sulla sosta abusiva. Col consigliere comunale Marco Gaudini dei Verdi e lo speaker di Radio Marte Gianni Simioli è fondatore della pagina Fb «Io odio i parcheggiatori abusivi» che ha raccolto centinaia di denunce e segnalazioni.

Intanto “Visto che, sul tema dei parcheggiatori abusivi, non c’è la necessaria attenzione da parte del Parlamento, sia il Consiglio regionale della Campania a dare risposte concrete alle migliaia di persone che hanno firmato la petizione con la quale chiediamo un inasprimento delle pene per i parcheggiatori abusivi, prevedendo l’arresto per chi viene ‘beccato’ in più occasioni a taglieggiare automobilisti e motociclisti”.

Spiega Borrelli, che, insieme al consigliere comunale Marco Gaudini e allo speaker Gianni Simioli de La radiazza di RadioMarte, ha fondato la pagina facebook ‘Io odio i parcheggiatori abusivi’ per raccogliere denunce e segnalazioni, e, ora, ha presentato una proposta di legge che sarà discussa in Consiglio regionale.

“L’articolo 121 della Costituzione prevede che Il Consiglio regionale eserciti le potestà legislative attribuite alla Regione e le altre funzioni conferitegli dalla Costituzione e dalle leggi e, tra queste, c’è la possibilità di fare proposte di legge alle Camere” ha spiegato Borrelli aggiungendo che “la proposta verrà assegnata alla I Commissione consiliare, che si occupa di affari istituzionali e sicurezza delle città, e seguirà l’iter legislativo ordinario. Dopo la sua approvazione definitiva in aula verrà inviata alle Camere e depositata come proposta di legge a tutti gli effetti”.