Lutto in Tribunale, è morto il procuratore aggiunto Beatrice

Aveva 59 anni

lutto in tribunale e morto il procuratore aggiunto beatrice

Nel 2006, assieme al collega Giuseppe Narducci, aveva firmato l’inchiesta Calciopoli, che ha dato una spallata al cosiddetto sistema Moggi

Napoli.  

Lutto in Tribuale a Napoli, è morto a 59 anni FIlippo Beatrice procuratore aggiunto del tribunale parteopeo. 
Filippo Beatrice è morto questa mattina presto, lasciando una moglie - Ida Frongillo, pm nella Procura di Napoli - è due figli. E lasciando una sensazione di vuoto in tutti quelli che hanno avuto modo di conoscerlo in questi anni. Colleghi, avvocati, personale di pg e amministrativi restano senza parole per la scomparsa di Beatrice. Aveva 58 anni, da quasi quattro anni si batteva con tutte le sue forze e con la pienezza della propria dignità contro una terribile malattia. Aveva continuato a lavorare fino a qualche mese fa, riuscendo a garantire equilibrio e competenza nel difficile ruolo di capo del pool anticamorra di Napoli. 
Sue le indagini contro l’alleanza di Secondigliano, centinaia gli arresti a carico di killer, boss e gregari sistematicamente confermati da condanne passate in giudicato.

Aveva firmato l’inchiesta sul riciclaggio dei magliari in tutto il mondo, vicenda dalla quale Saviano ha tratto un capitolo di Gomorra, anche se è impossibile ripercorrere le tappe di una carriera costellata da indagini e processo. 
Tutta la comunità giudiziaria, a partire dal capo della Procura Gianni Melillo e dai suoi vice, si stringe attorno alla moglie e ai figli.

I funerali giovedì mattina alle 10.30, in zona Cappella Cangiani, chiesa di Santa Maria di Costantinopoli.