Droga, armi e tentato omicidio: arresti nel Salernitano e maxi-sequestro

Operazione congiunta di polizia, carabinieri e finanza che hanno operato anche in Spagna

L'associazione è ritenuta responsabile anche di estorsione, intestazione fittizia di beni, illecita concorrenza con violenza o minaccia e autoriclaggio

Salerno.  

Operazione congiunta nel Salernitano da parte di carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia che stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare in carcere e sequestro di beni sia in provincia di Salerno che in Spagna. Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Salerno su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

Le ipotesi di reato 

Gli indagati sono ritenuti responsabili di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, estorsione, tentato omicidio, intestazione fittizia di beni, autoriciclaggio, porto e detenzione illegali di armi, illecita concorrenza con violenza o minaccia, aggravati dal metodo e/o  finalità mafiose.

Blitz anche in Spagna

Contestualmente, la Guardia di Finanza sta procedendo al sequestro preventivo di beni, quote societarie, conti correnti e rapporti finanziari nella disponibilità diretta e indiretta degli indagati, sul territorio nazionale e in Spagna, per un valore complessivo stimato in circa 1 milione di euro.

In aggiornamento