Moscati, un seggio per i pazienti. Casi Covid, si vota a casa

Volontari in azione per consentire a chi è in isolamento di votare

moscati un seggio per i pazienti casi covid si vota a casa

Casi covid tra gli elettori: 11 sono ricoverati al Moscati e altri 24 sono isolati a casa in attesa del completamento della quarantena o in attesa del responso del tampone

Avellino.  

Seconda giornata di voto in Irpinia per il rinnovo del consiglio Regionale, per esprimere la propria preferenza per il Referendum e anche per le amministrative in dodici comuni irpini. E tra i 72 seggi riferiti ad Avellino capoluogo, c'è anche quello allestito nell'ospedale San Giuseppe Moscati, sistemato nell'area B. Un seggio preparato dall'ospedale per consentire ai propri degenti di poter esprimere la propria scelta elettorale per il referendum e anche per il rinnovo del consiglio regionale. 

Sono 112 i degenti ricoverati all’Azienda ospedaliera Moscati di contrada Amoretta che, tra ieri e oggi, potranno votare nel seggio  speciale di primo piano, area blu. I 112 elettori ricoverati in ospedale hanno dovuto ottenere un via libera dal proprio comune per poter esprimere la propria preferenza in città, in ospedale. Ma la prima giornata di voto ieri si è chiusa con un’affluenza bassa sia in mattinata sia nel pomeriggio: Solo tre i votanti nelle prime ore della mattina. Oggi si potrà votare, come negli altri seggi, fino alle ore 15. Poi urne chiuse e si passa all'analisi delle schede.

Oltre alle 4 persone, tra presidente e scrutatori, impegnate al primo piano della città ospedaliera, nel seggio speciale sono presenti anche altre 6 persone per il seggio Covid e per quello cosiddetto «mobile».Si tratta del personale impegnato nel cosiddetto voto domiciliare per tutti gli elettori che, essendo sottoposti a trattamento domiciliare o in quarantena o in isolamento fiduciario per Coronavirus, non possono recarsi personalmente ai seggi di propria competenza e riferimento territoriale.