Prevenzione sulla salute, il convegno a Guardia Sanframondi

Il sindaco Panza: "Attività di prevenzione sono segno di Vitalità per i centri del Sud"

prevenzione sulla salute il convegno a guardia sanframondi
Guardia Sanframondi.  

Sabato scorso presso la sede del castello medievale del Comune di Guardia Sanframondi si è tenuto il convegno sulle problematiche della prevenzione della salute. Il convegno è stato organizzato con il patrocinio del Comune di Guardia Sanframondi, dell’Azienda Ospedaliera San Pio, dall’Azienda Sanitaria Locale di Benevento e dalle associazioni di volontariato AMDOS che promuovono le attività di prevenzione organizzando visite gratuite su tutto il territorio campano.

I lavori sono stati introdotti da Giulia Falato, consigliera comunale, che si è soffermata sulle problematiche della salute delle donne. A seguire gli interventi dell'oncologo Carlo Iannace (consigliere regionale della Campania) che ha motivato la scelta di essere presenti sul territorio con le attività di prevenzione “per informare il maggiore numero di persone sulle possibili patologie che possono riscontrarsi nella popolazione. A seguire gli interventi del dottore Alessandro Rosa “onorato di partecipare alle attività di prevenzione”, Concetta Conte, direttore sanitario dall’Azienda Sanitaria Locale di Benevento che ha spiegato le attività che l’Azienda pone in essere a tutela della salute dei cittadini e soprattutto a difesa della donna; e sulle difficoltà che le donne incontrano quando sono sottoposte alla violenza domestica e dei problemi che questo comporta. Il dottore Antonio De Vizia, del gruppo De Vizia Sanità ha evidenziato come “le attività di prevenzione sono importanti e vanno incoraggiate e sostenute”. Ha terminato gli interventi il sindaco Floriano Panza che ha sottolineato l'importanza dei Comuni “primo presidio per i cittadini, si vive in momento difficile per il Sud dell’Italia per l’emigrazione silenziosa di tanti giovani, organizzare le attività di prevenzione sono il segno di vitalità di un territorio che riscopre la sua vocazione e cerca di trovare nuove strade che consentano di guardare al futuro con entusiasmo”.