Bct. Frascadore: resta qui ma la città deve fare squadra

L'organizzazione è al lavoro per un altro evento dedicato alla musica nell'estate 2020

bct frascadore resta qui ma la citta deve fare squadra
Benevento.  

La cartolina del Festival del Cinema e della Televisione 2019 di Benevento? Liam Cunningham, uno dei protagonisti de Il trono di spade, che sorseggia un bicchiere di vino, rigorosamente sannita, e racconta, sotto il cavallo di Mimmo Paladino, della sua prossima serie televisiva trasmessa in anteprima per la kermesse sannita.
Antonio Frascadore non ha dubbi. Il bilancio per la terza edizione della manifestazione è del tutto positivo, così buono che si sente pronto a raddoppiare.
L'organizzazione, infatti, è al lavoro per un altro evento che dovrebbe tenersi nell'estate del 2020, insieme ad un importante ente italiano, e che accontenterà gli appassionati di musica. “Speriamo di potervi dare novità entro settembre” racconta prima di dettagliare che “l'evento culturale della città resta però il Bct”.

Ringrazia quanti hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, Frascadore. Ringrazia il pubblico e sgombra il campo dagli equivoc: “Abbiamo dimostrato che si può fare qualità e si può fare 'gente' insieme. E' un festival elegante e sobrio che in soli 3 anni è tra i primi 10 su 198 festival in Italia secondo il Ministero dei Beni Culturali”.

Non solo. Il direttore artistica tesse le lodi “comunicative” della sua creatura. “Benevento veicolata da grandi artisti che l'hanno apprezzata. Nessuno, però, la conosceva. Il Bct fa anche questo, diffonde e comunica la città”.
E se il rapporto con la città ha costituito una delle “piccole criticità” della manifestazione Frascadore appiana le polemiche: “Il Festival è di Benevento e resta qui ma occorre fare squadra e lavorare insieme”.

A Confindustria Turismo che aveva auspicato “tavoli” per la programmazione dice “Non ci siederemo a nessun tavolo, serve azione non programmazione”.
E per la prossima edizione il festival esplorerà ancora il mondo delle serie televisive punto d'incontro tra cinema e televisione, rimanendo "fedele all'idea originale che è unica in Italia".

Soddisfatta per la riuscita della manifestazione anche l'assessore alla Cultura Rossella Del Prete che sulle critiche spiega: “ben vengano ma siano costruttive altrimenti fanno solo male alla città”.
“Confermo la vicinanza della Camera di Commercio all'evento – ha chiarito anche il presidente Antonio Campese – niente meglio di Liam Cunningham con quel bicchiere di rosso sannita può raccontare la città”.