Calabrese: "No ai tagli dei fondi all'agricoltura

Il commento dell'esponente di Forza Italia

calabrese no ai tagli dei fondi all agricoltura
Cerreto Sannita.  

“Con tutta evidenza dobbiamo ipotizzare che la ripresa del settore agricolo non rappresentava un elemento positivo nell'ottica dello sviluppo dei territori. Altrimenti non comprendiamo il motivo per il quale si è proceduto ad intervenire, sul settore, secondo la logica e la politica dei tagli”. E' il commento di Pasquale Calabrese, consigliere comunale di Cerreto Sannita e Responsabile del Settore 'Agricoltura' in seno al Coordinamento provinciale di Forza Italia Benevento che interviene in merito "alla proposta di regolamento provvisorio approvata dalla Commissione europea che prevederebbe una notevole decurtazione del budget per la Politica agricola comune (i cosiddetti Pac), per quel che riguarda la sola Italia pari a 370 milioni di euro. Il tutto nell'arco di un anno, tra il 2020 ed il 2021. Per la Campania, invece, le risorse tagliate toccherebbero quota 29 milioni".

Un'ipotesi rispetto alla quale Calabrese commenta: "Si stenta a comprendere le motivazioni che portano a questa misura 'restrittiva'. Si parla e si levano appelli continui verso tale tipologia di investimenti, si sbandiera ai quattro venti il valore-agricoltura e si levano appelli continui ai giovani affinchè questi 'ritornino' alla terra. Valorizzare il settore è esigenza tanto più rilevante per il nostro Meridione e per le nostre aree interne che, nel settore agricolo, può trovare un reale argomento di ripresa. Non a caso, come da analisi 2018, i fondi europei avevano portato il settore delle imprese agricole ad essere l'unico, tra tutti quelli del mondo produttivo, a palesare segnali di chiara ripresa. Evidentemente quindi – prosegue Calabrese – la strada degli incentivi finanziari era quella giusta e dimostra come, con la spinta giusta, anche l'agricoltura possa essere nuovamente una preziosa possibilità per le nuove generazioni".