Concerto di Natale della corale ‘Papisius’ e non solo

Domani alle 20 nella chiesa parrocchiale Santa Maria del Bosco di Paupisi

concerto di natale della corale papisius e non solo
Paupisi.  

Domani, domenica 29 dicembre alle ore 20.00, nella chiesa parrocchiale Santa Maria del Bosco di Paupisi ci sarà il Gran Concerto di Natale organizzato dalla Pro Loco paupisana. Un appuntamento che giunge a circa un anno dalla nascita della corale della Pro Loco ‘Papisius’ e che vedrà una rassegna di cori polifonici. Infatti insieme alla corale paupisana, che in questo anno ha partecipato a diverse rassegne musicali, daranno lustro alla serata la corale di Apollosa "O' Core e San Giovanni" che ha come direttore il m° Giovanna Lombardi e l’organista il m° Luigi Rubano e poi la corale di Fragneto Monforte ‘Farnetum’ del direttore m° Daniela Polito. E a chiudere la serata saranno i padroni di casa , ‘Papisius’, direttore m° Gilda Pennucci Molinaro e il quartetto d’archi associazione ‘Enrico Caruso’. Il  progetto della Pro Loco di Paupisi, di creare un coro polifonico, è divenuto dunque realtà un anno fa e domenica, al termine della Santa Messa delle ore 19:00 nella chiesa madre ‘Santa Maria del Bosco’, ci sarà appunto una serata all’insegna della musica e del canto.  “L' augurio – scrive la Pro Loco Paupisi - è che il coro polifonico "Papisius" possa con il tempo contribuire a dare lustro alla nostra amata Paupisi e nello stesso tempo sta dando la possibilità ai cittadini del piccolo Borgo sannita di incontrarsi periodicamente e di gustare il piacere dello stare insieme per costruire contemporaneamente qualcosa di bello per il proprio paese".
"Un risultato raggiunto - proseguono - grazie a chi ha creduto in questa idea aderendo come membro al coro, grazie al direttore, il m° Gilda Pennucci Molinaro per la sua pazienza, professionalità e dedizione e per aver accettato la direzione del coro "Papisius". Grazie anche ai cori con i loro rispettivi direttori per aver accettato l'invito di esibirsi nel nostro paese e onorarci quindi della loro presenza”.