Napoli, caos alla metro di piazza Garibaldi, proteste e assembramenti

Le immagini inviate dal sindacato Usb dei Trasporti: "situazione insostenibile"

Intervalli di 20 minuti tra un treno e l'altro e controllo del Qr code dei biglietti rallentano l'accesso alle banchine

Napoli.  

Scene di ordinaria follia stamattina a Napoli presso la stazione Garibaldi della metropolitana Linea 1. A testimoniarlo il video inviato dal sindacato di base Usb dei trsapori. . Code lunghissime e assembramenti davanti ai tornelli per il controllo Qr code ma soprattutto legati alla necessità di non permettere l'ingresso in stazione a non più di 250 persone alla volta in base alle normative anti covid.

A questo si aggiunge il troppo lungo intervallo di tempo che passa tra l'arrivo di un treno e l'altro, almeno 20 minuti, se tutto va bene, e questo crea esasperazione negli utenti. Anche oggi aggressio verbali nei confronti degli agenti di stazione.

Inoltre il nuovo sistema di lettura QR dei biglietti rallenta ulteriormente le operazioni di ingresso in stazione, considerando che da oggi i lavoratori Giraservice che fino a qualche mese fa si occupavano della distribuzione e vendita dei titoli di viaggio, non potranno usufruire più nemmeno degli ammortizzatori sociali.