Pozzuoli: la tragedia della Solfatara era prevedibile

Confermate le gravi responsabilità ipotizzate sulla sicurezza inesistenti e alle autorizzazioni

pozzuoli la tragedia della solfatara era prevedibile
Pozzuoli.  

Si è concluso l’incidente probatorio sulla tragedia della Solfatara del 12 settembre 2017 nella quale persero al vita Massimiliano Carrer, la moglie Tiziana  Zaramella e il figlio Lorenzo, venuti dal Veneto in visita al vulcano di Pozzuoli. Nell’aula 218 i sette consulenti nominati dall'autorità giudiziaria hanno risposto alle domande del gip, del pm e degli avvocati. 

Confermate le gravi responsabilità ipotizzate dai pm Anna Frasca e Giuliana Giuliano (coordinate dal procuratore aggiunto, Giuseppe Lucantonio) in ordine ai presidii di sicurezza, pressoché inesistenti e alle autorizzazioni. Rispondendo a una precisa domanda del gip riguardo la prevedibilità del tragico evento che ha causato la morte di tre dei quattro componenti la famiglia Carrer, il professore Claudio Giulio Di Prisco ha detto che "il fenomeno dell'apertura delle cavità sottostanti nella zona della cosiddetta fangaia era prevedibile, se fossero stati realizzati studi sulla valutazione dei rischi". Studi che però non potevano essere commissionati per un'area che, secondo quanto finora emerso dalle documentazione acquisita, era abusiva. L'ingegnere D'Amico, l'ultimo dei periti ascoltati, ha anche ricordato che un cartello posizionato nei pressi di una fumarola ricordava l'effetto "viagra" che i gas potevano innescare se inalati quando, invece, in determinate condizioni quel gas (l'idrogeno solforato) poteva essere irritante e in determinate concentrazioni addirittura letale, come lo fu per i coniugi Carrer e il loro primogenito Lorenzo. La parola passa ora agli inquirenti che potrebbero emettere a breve gli avvisi di conclusione indagine.