Vola giù dal balcone in vacanza e muore. "Vogliamo verità"

La tragedia di Annamaria Sorrentino la giovane sordomuta originaria di Casoria morta in Calabria

vola giu dal balcone in vacanza e muore vogliamo verita
Casoria.  

Si sono svolti i funerali di Annamaria Sorrentino, la turista napoletana che era in vacanza a Parghelia, in Calabria, ed era precipitata dal balcone di casa due giorni fa cadendo al suolo. La trentenne, sordomuta, era con marito e i due figli in vacanza. Annamaria Sorrentino viveva con il marito a Nola ma era originaria di Casoria. Sul posto erano intervenuti i poliziotti di Tropea e i soccorritori del 118. 
 La donna è precipitata dal terzo piano dell'abitazione a Parghelia, provincia di Vibo Valentia, dove la famiglia trascorreva la vacanze con amici tutti sordomuti. Secondo quanto riportato dal Fatto Vesuviano, ora la Procura di Vibo starebbe valutando la posizione del marito della donna. 

I vicini parlano infatti di un furioso litigio che avrebbe preceduto la morte. Uno dei vicini aveva anche chiamato i Carabinieri alle 3:30 del mattino. Un intervento che aveva placato gli animi per qualche ora, fino al pomeriggio del giorno successivo. Il corpo di Annamaria precipitando verso il suo è caduto prima su un parapetto, poi su un'auto. Il marito sarebbe stato già interrogato. "Chiediamo che sia fatta luce sulla morte di Annamaria. Non cerchiamo vendette ma vogliamo la verità e chiediamo a chiunque sappia qualcosa di quanto accaduto quattro giorni fa di farsi avanti e dire la verità. E soprattutto diciamo alla polizia, che sta indagando, di non tralasciare alcun particolare". A parlare è Gennaro Sorrentino , fratello di Annamaria che chiede giustizia.  Annamaria, sordomuta, ed ex miss, è stata trovata da alcuni vicini esanime a terra nel viale dell’edificio. Era volata giù dal balcone. Fu trasferita in elisoccorso nell’ospedale “Pugliese” di Catanzaro, aveva riportato un trauma cranico, con sospetta frattura dell’osso temporale. Purtroppo Annamaria non si è ripresa e il suo cuore ieri ha cessato di battere. Questa mattina nella chiesa dei Santi Cosma e Damiano a Secondigliano si sono tenuti i funerali.