Napoli - Frosinone, Ancelotti vara un maxi turnover

La probabile formazione degli azzurri con la mente inevitabilmente proiettata ad Anfield

napoli frosinone ancelotti vara un maxi turnover
Napoli.  

 

di Marco Festa

La lezione del Chievo Verona può e deve essere bastata e avanzata: guai a sottovalutare il Frosinone per evitare di lasciare altri punti per strada, e magari recuperarne, nella già complicata rincorsa alla Juventus, che alle 20:30 riceve l'Inter all'Allianz Stadium. L'altra insidia invisibile per il Napoli, in vista del match in programma domani, alle 15, al “San Paolo”, risponde al nome di deconcentrazione: perché tenere alta la tensione non sarà facile, con la supersfida con vista sugli ottavi di finale di Champions League, di martedì sera, ad Anfield, contro il Liverpool, a ingombrare inesorabilmente i pensieri.

E allora, guardia alta; dimostrarsi una grande squadra anche in una partita sulla carta agevole, ma da vincere sul campo, sono gli imperativi su cui Ancelotti ha fatto e farà leva nonostante l'inevitabile, ampio, turnover che si appresta a varare. In difesa certa una maglia per Malcuit e Hysaj mentre Luperto è in pole per fare coppia Maksimovic nel cuore del pacchetto arretrato: Albiol non è stato, infatti, convocato, e stavolta anche lo stacanovista Koulibaly dovrebbe partire dalla panchina. A centrocampo spazio a Ounas, Rog, Diawara e Zielinski; in attacco a Inisgne e Milik. Tra i pali è tutto pronto per l'atteso ritorno di Meret, che scalpita per l'esordio assoluto tra i pali partenopei dopo lo sfortunatissimo precampionato con la frattura del terzo medio dell'ulna sinistra rimediata nel secondo giorno di ritiro a Dimaro. Tra le fila dei ciociari, peunltimi in classifica a quota 8 punti, Campbell e Ciano sono in lizza per affiancare Ciofani là davanti nel - comprensibilmente - abbottonatissimo 3-5-2 del tecnico Moreno Longo.

La probabile formazione.

Napoli (4-4-2): Meret; Malcuit, Luperto, Maksimovic, Hysaj; Ounas, Rog, Diawara, Zielinski; Inisgne, Milik. All. Ancelotti.

Grafica: Giuseppe Andrita