Droga e armi: sette arresti tra Napoli e Salerno

Nei guai il figlio del sindaco di un comune del salernitano

droga e armi sette arresti tra napoli e salerno
Salerno.  

Ancora un colpo ai pusher campani. Scoperto e smantellato dalle forze dell'ordine un gruppo malavitoso tra Casola di Napoli, Lettere, Torre Annunziata e San Rufo, nel salernitano. Questa notte, i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura oplontina nei confronti di sette indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione e porto abusivi di armi. 

Due degli arrestati sono stati portati in carcere, tre si trovano ai domiciliari, mentre a due di loro è stato notificato il divieto di dimora nella provincia di Napoli. Nei guai anche il figlio del sindaco di un comune del salernitano.

Le indagini dei militari si sono concentrate sui canali nei quali si rifornivano le piazze di spaccio nelle province di Napoli e Salerno. Qui arrivavano i rifornimenti di droga, perlopiù marijuana e cocaina, poi smerciati su tutto il territorio ai numerosi acquirenti del posto.
Dalle investigazioni dei militari è emerso poi come i reati siano riconducibili ad un periodo che andrebbe dall’ottobre del 2017 al marzo del 2018.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

S.B.