Catastrofe in Costiera:frane,fiumi esondati, famiglie evacuate

Chiusa l'Amalfitana per il crollo di un muro di contenimento, i sindaci: non uscite di casa

catastrofe in costiera frane fiumi esondati famiglie evacuate

Il maltempo si sta abbattendo con violenza su tutto il territorio salernitano, danni si registrano in diverse zone, dai rioni collinari passando per la provincia fino alla Costiera Amalfitana, la più colpita in queste ore.

Preoccupa la situazione proprio nei comuni della Divina con smottamenti e colate di fango che stanno interessando molte strade. Il torrente Cannillo si è ingrossato e acqua e detriti stanno invadendo le vie del centro storico di Cetara, uno smottamento è avvenuto pochi istanti fa a ridosso delle abitazioni. La protezione civile sta intervenendo in queste ore, alcune famiglie sono state costrette ad evacuare la zona. Tra Vietri sul Mare e Cetara si stanno registrano diverse frane sulla statale, sul posto le forze dell’ordine e i vigili del fuoco. La costiera Amalfitana è in ginocchio a causa delle forti piogge che stanno mettendo a dura prova il lavoro dei caschi rossi e della protezione civile.

In merito si è espresso anche il segretario generale Cgil Gerardo Arpino: "È ora di dire basta!!! La situazione sulla s.s.163 è diventata insostenibile. Stanno venendo meno tutti i principi di sicurezza, sia per i conducenti dei bus che per gli utenti,oltre a tutta la popolazione che vive in quelle zone. Riteniamo doveroso ed urgente un intervento strutturale su tutto il crostone roccioso che sovrasta la statale. Chiediamo con urgenza che sia convocato un tavolo tecnico con prefettura; Anas e sindaci dei comuni. La sicurezza è una priorità  e non può essere vista come un costo".

Situazione critica nella zona di Casa Rossa, dove l’acqua ha fatto crollare i terrazzamenti fino a Minori, portando giù tutto ciò che incontrava lungo la strada. Il fango è proseguito fino a Villamena dove, anche in questo caso, per ragioni di sicurezza sono state fatte evacuare alcune famiglie.

In località Santa Caterina una colata di fango è venuta giù, riversandosi sul manto stradale fino a via Vecchia Chiunzi, dove in queste ore sono in azione i mezzi per ripulire la carreggiata. In Prefettura a Salerno è stato attivato il Centro Coordinamento Soccorsi al quale prenderà parte anche il vicepresidente della Giunta regionale, Fulvio Bonavitacola insieme alla Protezione civile della Regione Campania. I collegamenti con la Costiera sono già compromessi dalla frana della settimana scorsa a Maiori.
Il Direttore generale della protezione civile, Italo Giulivo, ha provveduto a contattare i sindaci dei comuni della Costiera Amalfitana interessati dai temporali di queste ore, al fine di predisporre le azioni necessarie a supporto delle Amministrazioni comunali e degli enti già attivi.

A Battipaglia non è diversa la situazione con il fiume Tusciano ingrossato e a rischio esondazione, A Pontecagnano invece il fiume Picentino ha rotto gli argini ed ha allagato tutto. 

Sulla strada per Montecorvino Pugliano è venuta giù la strada dove, per fortuna, in quel momento non si trovavano automobilisti di passaggio. 

Difficoltà anche nella parte alta di Salerno: a Giovi San Nicola in prossimità della chiesa un palo della pubblica illuminazione è caduto bloccando il transito alle auto. A Giovi Bottiglieri, invece, si sono spezzati gli alberi che hanno invaso la carreggiata, bloccando anche in questo caso, il traffico veicolare.