Rubano spigole e orate da allevamenti a Casal Velino: arrestate 6 persone

Gli indagati portavano via il pesce dalle vasche di itticoltura

I furti avvenivano su ordinazione, tutto veniva rivenduto a ristoranti del posto o a privati cittadini

Casal Velino.  

Rubavano pesce su ordinazione, spigole e orate. Nei guai sei persone beccate dalle forze dell'ordine.

I carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare personale degli arresti domiciliari. Ad emetterla il gip del Tribunale di Vallo della Lucania, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 6 indagati. L'accusa aver commesso, in concorso, con più condotte delittuose, i reati di furto aggravato di orate e spigole, per un ingente valore. Il pesce apparteneva alla Società proprietaria degli impianti che si trovano nell’area marina di Casal Velino.

Le indagini dei carabinieri

L’attività tecnica ed info-investigativa, svolta dai carabinieri della Stazione di Acquavella e della Sezione Operativa della Compagnia di Vallo della Lucania, ha abbracciato un periodo che va dal mese di dicembre 2021 al mese di settembre 2022. I militari, grazie a intercettazioni telefoniche ed attività di osservazione, sarebbero riusciti ad incastrare gli indagati. I sei in più occasioni, grazie all’utilizzo di imbarcazioni, avrebbero portato via grosse quantità di spigole e orate dalle vasche di itticoltura. Gli impianti si trovano sulla fascia costiera di Casal Velino. Il pesce rubato veniva poi venduto a pescherie, ristoranti e privati cittadini, da cui era stato ordinato.