Quando il Campobasso di Fella fermò l'imbattibilità di Perrone

Cresciuto ad Ogliara, l'attaccante salernitano corona il sogno di una vita

quando il campobasso di fella fermo l imbattibilita di perrone
Salerno.  

Sette anni fa il solo fatto di affrontare da avversario la squadra della sua città gli sembrava incredibile. Figurarsi se gli avessero detto che, un giorno, avrebbe indossato la maglia granata. Un sogno che da stasera è diventato realtà per Giuseppe Fella, attaccante 27enne che ha firmato un triennale con la Salernitana. Cresciuto nel quartiere di Ogliara, l’ormai ex calciatore del Monopoli ha fatto il giro della Campania prima di riuscire ad approdare all’Arechi.

Nel 2012-2013 aveva strappato un contratto con l’Avellino che a gennaio decise di mandarlo in prestito al Campobasso, in Seconda Divisione. Una parentesi che ricorderanno anche tanti cuori granata. Perché fu proprio al Nuovo Romagnoli che, dopo 23 turni d’imbattibilità, si fermò la cavalcata della Salernitana di Carlo Perrone che a fine stagione avrebbe comunque vinto il secondo campionato consecutivo della gestione Lotito-Mezzaroma. Fella fu lanciato a gara in corso da Salvatore Vullo e, sotto gli occhi di tanti amici salernitani presenti in Tribuna, dimostrò di avere un gran talento. Anche grazie al suo apporto la formazione molisana - trascinata da un super Di Vicino e da Rino Iuliano - riuscì ad abbattere la capolista con un gol di Minadeo, interrompendo una striscia da record. Da quell’incrocio, però, le strade di Fella e della Salernitana tornarono a dividersi. E quel sogno sembrava destinato a restare chiuso in un cassetto.

Dopo Campobasso il giovane attaccante ha girato mezza Italia (Brindisi, Melfi, Bassano e Siena) prima di tornare in Campania, ripartendo dalla serie D con le maglie di Nocerina e Cavese. In blufoncé Fella ha trovato continuità (22 gol in due stagioni tra serie D e Lega Pro), guadagnandosi la chiamata del Monopoli. In Puglia il definitivo exploit caratterizzato da 17 reti nel campionato di terza serie e il secondo posto nella classifica marcatori, alle spalle del barese Antenucci. Un biglietto da visita importante che non è passato inosservato alla Salernitana che già nei mesi scorsi aveva avviato la trattativa. Oggi, finalmente, la fumata bianca che permette a Fella di coronare il sogno che cullava da bambino.