Malzoni. Nasce e pesa solo 360 grammi: il miracolo di Carmine

La gioia dei genitori, parenti e amici alla Clinica Malzoni

malzoni nasce e pesa solo 360 grammi il miracolo di carmine

Il bimbo è nato a 27 settimane. Grande soddisfazione per il personale medico. Da parte dei genitori che sono stati raggiunti da centinaia di messaggi di auguri

Avellino.  

 

di Simonetta Ieppariello

La forza della vita emoziona, coinvolge, unisce. Il piccolo Carmine è nato a 27 settimane, martedì scorso. Un piccolo miracolo quello compiuto dall'equipe della clinica Malzoni di Avellino che ha salvato il neonato che, al momento, si trova ricoverato presso il reparto di Terapia intensiva neonatale. Il suo peso è di 360 grammi. Dottori e specialisti assicurano che il piccino è in buona salute e reagisce bene alle terapie. Ma bisogna aspettare. La notizia corre sul social, siti, organi di informazione e riunisce i cuori di tutti che pregano per quel piccino, perchè superi le fasi iniziali di una vita che inizia in salita. Carmine, la storia di un prematuro di 360 grammi. Un caso raro, unico al Sud. Medici e sanitari vegliano 24 ore su 24 sul piccino, che forte e vitale reagisce bene alle terapie a cui deve essere sottoposto in una fase così delicata della sua vita. Venuto al mondo così presto, è diventato la mascotte di una clinica intera, dell'Irpinia. La clinica Malzoni con i suoi specialisti hanno permesso un parto così delicato e rischioso.

La notizia meravigliosa è stata ufficializzata dai genitori del bimbo che ringraziano il professore Carmine Malzoni. Lo fanno pubblicamente con un accorato e commovente post su facebook.

“Attendiamo fiduciosi le prossime settimane – ha scritto sui social Anna, sua madre – ringraziamo a prescindere dall’esito il professore Carmine Malzoni, la dottoressa Annamaria Malzoni, il professore Vincenzo Bove e la mia ginecologa Marianna Rasile per la professionalità, l’amore, la dedizione e l’affetto che hanno avuto nei miei confronti.”

E poi un messaggio diretto al professore: «Professore lei è un grande uomo medico e professionista. Non dimenticherò mai nulla di quello che avete fatto per me, soprattutto in sala operatoria quella carezza sul viso, mentre sua figlia Annamaria faceva nascere mio figlio. Le sarò eternamente grata».  

La bacheca di mamma Anna è diventato il diario della forza e amore per la vita. In tanti, amici, parenti e semplici contatti del social annotano una frase di speranza per il piccolo.

"Auguri e che Dio aiuti questa creatura a crescere sana e bella come la luce del sole", scrive Gerardo.

Anna continua a vegliare sul piccolo. Con straordinaria tenacia. La forza di una madre che con amore e coraggio protegge la sua creatura. "Io spero solo che la Madonna me lo doni e mi renda la madre più felice del mondo e non lo prenda con sè…..Lei e' la Mamma nostra e solo lei sa nel Suo cuore quanto ho voluto desiderato e atteso questa creatura meravigliosa. Più lo guardo e più mi chiedo: " merito davvero tanta Grazia?" E sono comunque grata a Dio perche' mi ha reso madre di una Creatura Meravigliosa", scrive commossa a corredo di uno dei suoi post che sono accompagnati da una pioggia di like e commenti speranzosi.