Dramma ad Avellino, 63enne trovato morto in casa

La macabra scoperta in via Pianodardine: il corpo trovato in avanzato stato di decomposizione

Avellino.  

Dramma ad Avellino, dove il corpo di un uomo senza vita è stato rinvenuto in casa dai caschi rossi, allertati dalle forze dell'ordine. Subito dopo le 10 i Vigili del Fuoco di Avellino, su richiesta della Polizia, sono arrivati in via Pianodardine, per soccorrere un commerciante di 63 anni, che non rispondeva alle numerose chiamate dei parenti che hanno deciso di richiedere l'intervento delle forze dell'ordine. La squadra dei vigili è salita al secondo piano dell'abitazione, servendosi della scala. Una volta entrati in casa, dopo aver forzato la finestra di un balcone, i vigili hanno effettuato la macabra scoperta. Da accertare le cause del decesso.L’uomo condivideva l’abitazione di via Pianodardine con un fratello venuto amancare qualche mese fa e con una sorella, da tempo ricoverata in ospedale.

Il personale coordinato dal vicequestore Elio Iannuzzi ha chiesto il supporto dei vigili del fuoco del comando provinciale per poter entrare nella casa. Quando i caschi rossi sono riusciti ad accedere nell’appartamento al primo piano dell’edificio, con l’ausilio di una scala, hanno fatto la macabra scoperta. Il 63enne è stato rinvenuto riverso a terra nel bagno. Sul posto è intervenuto ilmedico legale Fabio Policino che ha effettuato un primo esame al cadavere. Il decesso risalirebbe ad almeno dieci giorni fa. La salma si trova all’obitorio dell’ospedale Moscati di Avellino ed è a disposizione dell’autorità giudiziaria per stabilire l’eventuale autopsia. Difficile definire le cause dellamorte in considerazione dell’avanzato stato di decomposizione del corpo. Infatti, i familiari saranno chiamati al riconoscimento della salma. Almomento non si esclude alcuna ipotesi: dalmalore fatale al suicidio.Ma solo l’esame delmedico legale potrà contribuire a chiarire tali aspetti.