Europee, trionfo Lega. Cassano strappa il primato in Italia

Nel comune altirpino la percentuale più alta di tutta Italia per il Carroccio

europee trionfo lega cassano strappa il primato in italia

Con il 60,14% di voti per "Lega Salvini Premier" il comune in cui corre il candidato del Carroccio Salvatore Vecchia si attesta al primo posto . Vecchia: risultato storico

Cassano Irpino.  

“Risultato storico per la Lega con la percentuale più alta in Italia”. E’ il commento del primo cittadino di Cassano Irpino, Salvatore Vecchia sul 60,14%ottenuto nel comune altoirpino per il Carroccio. Un risultato che cavalca la scia nazionale delle elezioni europee che premiano Matteo Salvini. Nel comune irpino il secondo partito è il M5s con la percentuale di 15,58% seguito dal PD con 13,77% chiude Forza Italia al 3,8%.

Un piccolo comune del Sud, della Campania, della regione delle contestazioni in cui il leader del Carroccio vince e trionfa. Soddisfatto il candidato sindaco e fascia tricolore uscente del comune delle acque, Salvatore Vecchia.

“Sono stato già contattato dal coordinatore regionale Cantalamessa che mi ha confermato: a Cassano Irpino in provincia di Avellino c’è stata la più alta percentuale di preferenze per la Lega, per queste europee - racconta Salvatore Vecchia -. Un risultato storico, che potrebbe essere anche quello di primato nazionale, sono ancora in corso le verifiche”. 

Nel borgo delle sorgenti il secondo partito per le europee a maggiore preferenza è il M5S col 15,58%, il terzo il Pd con una percentuale del 13,77%, mentre forza Italia si posiziona al 3,8%.

A livello nazionale la Lega vola - supera il 34 per cento - e il Pd sorpassa i 5Stelle, crollati al 17 per cento. Questi i verdetti che arrivano dallo spoglio dei voti delle elezioni europee, quando mancano circa 400 sezioni da scrutinare. Un risultato che potrebbe far tremare il governo. Perché è quasi rovesciato il rapporto di forza tra i due alleati, rispetto alle Politiche del 4 marzo. Anche se Matteo Salvini, in una conferenza stampa in cui parla con il rosario in mano, dice: "Non regoliamo i conti, non chiediamo poltrone, il contratto di governo non cambia".