Consiglio, è già rottura: scoppia il caso 5 Stelle

Urciuoli e Picariello tra i banchi della maggioranza

consiglio e gia rottura scoppia il caso 5 stelle
Avellino.  

Neanche il tempo di celebrare il primo consiglio comunale che già scoppia il primo caso nelle opposizioni consiliari. Il Movimento 5 stelle a inizio seduta aveva spiazzato un pò tutti accomodandosi nei banchi della maggioranza. "Solo una questione affettiva - aveva chiarito Luigi Urciuoli - Ero seduto qui dieci anni fa ai tempi di Italia dei Valori, esclusivamente una scelta logistica".

Poi i dubbi di Preziosi, Cipriano e gli altri della minoranza sono aumentati prima quando lo stesso Urciuoli ha votato Ugo Maggio alla presidenza e poi allorquando Ferdinando Picariello ha accettato la carica di vice.presidente "Eppure avevamo fatto una riunione nella quale si era stabilito di non ricevere incarichi - ha commentato Dino Preziosi - solo dopo ho capito la loro decisione di sedersi con la maggioranza. Così facendo si è mancato di rispetto al gesto di Amalio Santoro che coerentemente aveva rinuciato - ha aggiunto Marietta Giordano - Per quanto ci riguarda sono fuori dall'opposizione".

Urciuoli si è difeso. "Aver votato Maggio non significa passare automaticamente nella maggioranza. Non siamo un partito, sono in consiglio per il bene della comunità e personalmente voterò ogni provvedimento secondo coscienza".