Voto Rousseau, Maraia (M5S): "Un sì per il cambiamento"

Dalla piattaforma gli iscritti danno fiducia al nuovo governo targato Pd- M5s

voto rousseau maraia m5s un si per il cambiamento

IL deputato irpino: "Il voto di oggi equivale ad un voto di fiducia in Parlamento"

Avellino.  

Trionfa il "sì" sulla piattaforma Rousseau al nuovo governo M5S con il Pd. Il 79,3% ha votato "sì" al quesito posto sulla piattaforma Cinquestelle dichiarandosi «d'accordo che il MoVimento 5 Stelle faccia partire un governo, insieme al Partito Democratico, presieduto da Giuseppe Conte». Dalle 9 alle 18 hanno espresso la propria preferenza 79.634 iscritti, su una base di aventi diritto che, alla mezzanotte del 2 settembre 2019, ha raggiunto il numero di 117.194 iscritti», annuncia l'Associazione Rousseau. I SI sono stati 63.146 (79,3%), i NO 16.488 20,7%).

Il deputato irpino Generoso Maraia a termine delle votazioni esprime soddisfazione: "Il voto di oggi equivale ad un voto di fiducia in Parlamento. La cosa straordinaria è che a votare, oggi, sono stati direttamente gli iscritti al M5S e non i loro rappresentanti in Parlamento. Il Sì equivaleva ad un voto di fiducia, il No ad un voto di sfiducia. Una fiducia non chiesta dal Governo, ma dal Capo politico che, su mandato dei parlamentari, ha costruito il nuovo programma di Governo da sottoporre direttamente all'approvazione degli iscritti. Le tante volte che ho votato la fiducia a Conte sono passato sotto i  banchi della Presidenza della Camera per pronunciare il Sì della  fiducia. Questo sì significa continuare ad avere fiducia nel cambiamento, nei 
portavoce, nei nostri ministri, nel nostro programma. Io continuo ad avere fiducia del M5S" conclude Maraia. 

Già in mattinata l'associazione Rousseau aveva comunicato che «Nelle prime due ore di votazione (dalle ore 9 alle ore 11) hanno votato 29.781 iscritti certificati. Abbiamo gestito 24.000 connessioni in contemporanea con picchi di 1.200 richieste al secondo. Si tratta di un record storico per Rousseau: un traffico addirittura 10-12 volte superiore rispetto a quello del primo turno di votazioni per la scelta dei candidati alle europee». ?