Urciuoli si autosospende. Maggio: "Alla terza assenza è fuori"

Braccio di ferro sulla posizione del consigliere M5s. Ma intanto c'è l'accordo sulle commissioni

urciuoli si autosospende maggio alla terza assenza e fuori
Avellino.  

Nel giorno in cui la conferenza dei capigruppo trova finalmente la quadra sulla composizione delle commissioni consiliari, arriva la missiva del consigliere comunale Luigi Urciuoli, (oggi assente, ndr) in cui comunica al Prefetto di Avellino, al ministero dell’Interno, al sindaco, al presidente del consiglio, ai capigruppo ed ai consiglieri comunali la volontà di autosospendersi ribadendo di ritenere necessario l’invio di un Commissario ad acta per dirimere la questione – perché – scrive – “in tale clima il sottoscritto non si sente garantito nello svolgimento della propria attività di rappresentante eletto dai cittadini”.

Urciuoli ritiene di essere consigliere di maggioranza, il presidente del Consiglio Ugo Maggio la pensa diversamente e aggiunge: "La sua richiesta di sospendersi non è prevista dal regolamento, al massimo il consigliere Urciuoli potrebbe dimettersi. Se non vuol prendere parte all’Assise sappia che alla terza assenza ingiustificata non farebbe più parte del Consiglio Comunale ma queste sono valutazioni che toccano solo a lui. In ogni caso le questioni che pone sono state superate. C’è stato l’accordo tra tutti. L’altro consigliere del Movimento 5Stelle, Ferdinando Picariello, che è in minoranza, ci ha comunicato la sua scelta.