Fortore: piove e le auto si ritrovano in un fiume di fango

Un automobilista mostra l'assurda condizione delle strade nel Fortore. Il sindaco: "E' noto"

fortore piove e le auto si ritrovano in un fiume di fango
Castelvetere in Val Fortore.  

Un po' di pioggia o qualcosa in più e le strade diventano torrenti di fango. E' quanto accade nel Fortore come segnalato da un cittadino di Castelvetere, che ha documentato con un video quanto accade sulle strade del paese in occasione delle piogge.


Chilometri da percorrere mentre la carreggiata viene invasa da un fiume di fango proveniente dai terreni laterali. Fango che riempie le numerose buche presenti sulla strada , creando ulteriori pericoli. Ma è una situazione ben nota quella oggetto della denuncia dell'automobilista Fortorino. Più volte Ottopagine si è occupato della questione della viabilità nel Fortore, in particolare appunto nell'area di confine, quella di Castelvetere, di San Bartolomeo, le strade che collegano con Foggia: mulattiere, quasi impercorribili, col quasi probabilmente utilizzato a sproposito in questo caso. Una situazione pericolosa per chi non conosce bene quelle strade e si trova a percorrerele magari di notte, una situazione che crea disagio a chi già vive in condizioni difficili, come i dializzati, o per chi si trova ad aver bisogno di un'ambulanza.


Una situazione che sembra però possa avere finalmente fine, visti i consistenti finanziamenti per le strade di tutta la Campania.
Situazione che con Ottopagine ha commentato anche il sindaco di Castelvetere in Valfortore, Gianfranco Mottola, naturalmente ben conscio delle condizioni della viabilità: “La problematica la conosciamo bene ed è sempre la stessa: su alcune strade ci sono problemi enormi, in particolare nel tratto che va da Castelvetere a San Bartolomeo.

Una situazione che abbiamo anche provato a tamponare: sono in costante contatto con il sindaco di San Bartolomeo, Agostinelli. Speriamo che con i finanziamenti che arriveranno si possano finalmente avere strade degne di questo nome perché siamo arrivati a una condizione assurda. Era dal 2006 che non arrivavano finanziamenti, se non per piccoli interventi che naturalmente non possono incidere minimamente su una situazione così grave. Una situazione che non solo mette a rischio ogni giorno la salute e le finanze di tanti cittadini che percorrono quelle strade, ma anche le sorti stesse dei nostri centri: senza strade e collegamenti restiamo isolati, al di fuori di tutto, con tutto ciò che ne deriva. Ora ci auguriamo che l'inverno sia clemente, come lo scorso anno, perché nei casi di nevicate straordinarie, come quelle di due anni fa, con le strade in queste condizioni gli interventi diventano dispendiosissimi, e per un comune come Castelvetere mettere a bilancio cifre importanti per il maltempo vuol dire andare in difficoltà”.

 

Cristiano Vella