Situazione critica per lavoratori ArtSannio: la Provincia tace

Cgil, Cisl e Uil per i dipendenti in distacco tuonano contro Ricci: "La Provincia faccia qualcosa"

situazione critica per lavoratori artsannio la provincia tace

"Non capiamo, ad onor del vero, perchè l'amministrazione abbia scelto questo rumoroso silenzio, anzichè dialogare con le forze sociali su una seria proposta di rilancio dell'occupazione nel settore dell'arte e dei beni culturali"

Benevento.  

Giannaserena Franzé, Antonio Maiella e Antonio Forgione, responsabili di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, hanno inviato una missiva al presidente della Provincia di Benevento, Claudio Ricci, in merito alla vertenza di Art Sannio Campania: “Siamo costretti ad evidenziare all'opinione pubblica la totale elusione del presidente della Provincia Claudio Ricci sulla delicatissima vertenza che vede, loro malgrado, protagonisti i lavoratori di Art Sannio Campania, in distacco presso Sannio Europa. Ad oggi il presidente non ha ancora posto in essere un meccanismo virtuoso che possa salvaguardare i livelli occupazionali di questi giovani e penalizzati lavoratori. A nulla sono valse le copiose richieste di incontro che le forze sociali hanno inviato al capo dell'amministrazione provinciale. A questi lavoratori non è dato sapere cosa gli riserverà l'imminente futuro. La Provincia tace... Eppure gli strumenti normativi per mettere in sicurezza il personale esistono e sono  attuabili: la Regione ha dichiarato ufficialmente di voler delegare le attività culturali agli enti territoriali e il governo nazionale ha avviato un processo di razionalizzazione delle attività delle agenzie partecipate, per rendere le strutture più efficienti. er questo, oggi, i rappresentanti dei lavoratori, in maniera pubblica e diretta, chiedono al presidente Ricci  di sorreggere i dipendenti, sul filo del baratro. Urge una forte azione politica, tesa alla salvaguardia di tutti i livelli occupazionali.  Cgil, Cisl e Uil, come sempre, sono pronti ad accettare la sfida. Si dia inizio alla concertazione. Gli strumenti normativi ci sono. Si applichino, subito!"