Boom di furti a Fragneto Monforte, allarme tra i cittadini

il sindaco Facchino: "A primavera nuove telecamere e chiederò di intensificare i controlli"

boom di furti a fragneto monforte allarme tra i cittadini
Fragneto Monforte.  

C'è preoccupazione a Fragneto Monforte per i continui furti registrati nelle ultime settimane. Nel mirino abitazioni nel centro del paese, come quella di ieri sera in via Roma, ma anche nelle zone periferiche. Una escalation che turba e non poco i residenti di Fragneto. “Si tratta di almeno quattro, cinque episodi messi a segno quasi sempre di giovedì pomeriggio”, spiega a Ottopagine.it il primo cittadino Luigi Facchino che annuncia: “Chiederò al Comando provinciale dei carabinieri di aumentare la vigilanza su tutto il territorio in determinate fasce orari”.

Durante i raid nelle abitazioni rubati soldi, gioielli ed altri oggetti di valore. Sempre identica la tecnica utilizzata dai malviventi. Dopo aver scelto l'obiettivo, forzano ed aprono un infisso e, approfittando quasi sempre dell'assenza dei proprietari, trafugano di tutto lasciando le case a soqquadro.

“A primavera prossima saranno avviati i lavori per installare in corrispondenza di tutti gli accessi del paese le nuove telecamere – annuncia il sindaco Facchino – si tratta di occhi elettronici di ultima generazione che garantiranno immagini nitide anche di notte”. A Fragneto le telecamere ci sono già. Si tratta di un vecchio impianto che qualche sera fa – era il 31 ottobre - ha comunque ripreso quattro malviventi incappucciati nella zona del centro scappare dopo aver messo a segno un colpo.

Intanto, sul giornalino social "Notiziario Fragnetano" su Facebook del paese, proprio il sindaco ha diramato alcuni consigli ai cittadini per prevenire in maniera corretta i furti.

“A causa dei vari furti che si sono verificati invitiamo i cittadini alla più viva e stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine ed a non esitare a chiamare il numero di pronto intervento 112 (carabinieri) o 113 (polizia) e segnalare in qualsiasi momento del giorno, della sera e della notte, qualunque movimento, cose, auto e/o persone che possa sembrare anomalo, titubante o sospetto.
Ecco alcuni consigli, a costo zero, su come difendersi dai furti in abitazione; 
per brevi periodi di assenza lasciare qualche luce accesa, la radio o il televisore in funzione;
chiudere sempre gli infissi, il garage e la porta a chiave e non lasciare le chiavi sotto lo zerbino o in altri luoghi alla portata di tutti;
ricordarsi che i messaggi sulla porta dimostrano che in casa non c’è nessuno;
se si hanno oggetti di valore in casa è utile suddividerli in più luoghi rendendo difficile il rinvenimento;
inoltre è utile fotografare quadri e oggetti preziosi perché in caso di furto saranno più facili da ricercare;
anche le armi, se detenute, vanno smontate ed i pezzi divisi e nascosti;
sensibilizzare anche i vicini affinché sia reciproca l’attenzione a rumori sospetti sul pianerottolo o nell’appartamento, nonché all’individuazione di sconosciuti aggirarsi nei pressi di più immobili : in caso non esitare a chiamare il 112;
se tornando a casa si dovesse trovare la porta aperta o chiusa dall’interno, bisogna evitare di entrare per scongiurare la reazione istintiva del ladro che si vede scoperto e quindi un potenziale scontro letale: anche in tale situazione bisogna evitare soluzioni o iniziative “fai da te” chiamando prontamente il 112;
per lunghi periodi di assenza, non far sapere ad estranei i propri programmi di viaggi e vacanze, organizzandosi con parenti e amici nel controllare l’abitazione, evitando che si accumuli posta nella cassetta delle lettere chiedendo a un vicino di ritirarla;
non divulgare la data del tuo rientro e non dare informazioni specifiche sulla tua assenza, ne tramite segreteria telefonica;
installare, se è possibile, dispositivi automatici di accensione, ovvero prese temporizzate digitali, di luci, radio e televisione, ad intervalli di tempo, programmabili anche settimanalmente ad accensione casuale (costo € 20,00 circa), ben in vista da finestre e balconi, unitamente al posizionamento di semplici cicalini magnetici da posizionare sugli infissi più a rischio, in modo da attivarsi al minimo tentativo di manomissione dell’infisso, dall’esterno, rappresentano un utile sistema economico e pratico. In particolare i cicalini magnetici, proprio per la loro insignificante presenza, hanno con il loro allarme acuto e persistente, scoraggiato i ladri in molte occasioni".