Ospedale, De Pierro: "Riunire le eccellenze sanitarie"

Il capogruppo Pd :"contrapposizioni sterili, serve costruire"

ospedale de pierro riunire le eccellenze sanitarie
Benevento.  Il capogruppo del Partito Democratico al Comune di Benevento, Francesco De Pierro, è intervenuto in merito alla delicata tematica che nelle ultime ore sta interessando il Sannio relativamente alle modifiche previste dal Piano Regionale di Programmazione della Rete Ospedaliera: “Alla luce delle battaglie sulla sanità che il Pd sta portando avanti da tempo e in relazione alla più che condivisibile pretesa di certezze in merito a quanto indicato nell’atto aziendale della costituenda Azienda Ospedaliera “San Pio” che riunirà il “Rummo” e il “Sant’Alfonso Maria de’ Liguori”, il quale statuisce, tra l’altro, la riconversione del nosocomio santagatese a Polo Oncologico d’eccellenza, occorre fare un’attenta riflessione evitando pericolose fughe in avanti e cercando una convergenza comune di interessi che consenta alla voce del nostro territorio di propagarsi in maniera più incisiva in ambito regionale. Apprezzando i consistenti sforzi del Partito Democratico a tutti i livelli, dalla rappresentanza parlamentare a quella in Consiglio regionale, dai circoli cittadini a quello del capoluogo, non posso non sottoscrivere le parole del segretario della Federazione Provinciale Carmine Valentino quando si augura che ‘tutti possano contribuire in modo costruttivo e serio a proposte finalizzate a dare risposte concrete alla garanzia primaria che è il diritto alla salute’. Mi permetto pertanto di osservare, che, in ordine a quanto asserito da Valentino, invece di contrapporsi sistematicamente l’uno all’altro, al netto del pensiero di ognuno, sarebbe opportuno e costruttivo che in primis il Partito Democratico, al suo interno, istituisse un tavolo tecnico e politico-istituzionale aperto non solo agli organi più rappresentativi in ambito politico e sanitario, ma anche a tutte le figure d’eccellenza in campo sanitario di cui può pregiarsi la nostra città e la nostra provincia. Mi riferisco ai tanti operatori sanitari e non, conclamati specialisti di eccellenza nel proprio campo professionale, non necessariamente iscritti al partito ma che “vivendo per così dire in trincea”, conoscono certamente meglio di altri le criticità e lo stato in cui versano le varie strutture, le principali necessità delle stesse e di tutti coloro che si rivolgono ai nosocomi per le dovute cure sanitarie. A mio avviso, l’occasione per assemblare tali risorse potrebbe essere fornita dai costituendi Dipartimenti Tematici avvedutamente promossi dalla Federazione Provinciale del Pd, in particolare quello afferente alle Politiche sociali, Sanità, Associazionismo e volontariato. Nel qual caso, sarà giusto e doveroso che la segretaria provinciale e cittadina, si prenda cura di individuare le più alte professionalità al fine di richiedere loro la disponibilità all’elaborazione collegiale di una proposta programmatica tecnico – politica che possa rappresentare la migliore sintesi dell’istituendo tavolo di concertazione da poi sottoporre ai vertici della Regione in occasione dell’incontro tra il governatore De Luca ed una delegazione sannita, che dovrebbe tenersi a stretto giro di posta. Un punto di partenza a mio avviso inevitabile, da realizzare ahimè in tempi brevissimi e da introdurre in tutti gli altri Dipartimenti Tematici, che consentirebbe al nostro partito di aprirsi più che mai a personalità esterne onde favorire l’inclusione di nuove intelligenze e competenze a tutela e salvaguardia della nostra terra e perché no anche per un rilancio del Partito Democratico, da sempre sensibile, attento e pronto a dar voce al territorio.”