Benevento, niente da fare per la Primavera: vince il Frosinone

All'Avellola arriva la seconda sconfitta consecutiva

benevento niente da fare per la primavera vince il frosinone
Benevento.  

Benevento – Frosinone 1-3

Benevento (4-3-1-2): Carriero; Onda (37’st Delle Curti), Menichino, Vitale, Andreozzi; De Rosa, Alfieri, Pietroluongo (37’st Mirante); Mancino; Ferraro (26’st Dublino), Garofalo (33’st Thiam Pape). A disp.: Diglio, Gargiulo, Solimeno, Federico, Alba, Montanino. All.: Romaniello

Frosinone (3-5-2): Trovato; Santi (1’st Vecchi), Verde, Giordani; Nigro (37’st Coccia), Venturini (37’st De Florio), Santarpia, Obleac, Tonetto; Altobello (1’st Luciani), Vitalucci. A disp.: Salvati, Mattei, Selvini, Morelli. All.: Marsella

Arbitro: Cavaliere di Paola
Assistenti: Cleopazzo e Matera di Lecce

Marcatori: 7’st Pietroluongo (B), 12’st Obleac (F), 41’st Luciani (F), 51’st Vitalucci (F)

Seconda sconfitta consecutiva (la quarta nelle ultime cinque partite) per la Primavera che è caduta all’Avellola per mano del Frosinone. Romaniello ha dovuto fare i conti con una vera e propria emergenza in difesa - considerate le assenze di Pastina, Di Ronza e Ciaravolo – costringendolo a ridisegnare la squadra, passando dal solito 3-5-2 al 4-3-1-2. Il primo tempo è stato positivo: i giallorossi si sono dimostrati arrembati e vogliosi di passare in vantaggio. Il Frosinone, però, è stato bravo a chiudere bene gli spazi, grazie all’ermetico 3-5-2 che lasciava pochi sbocchi agli attaccanti sanniti. Dopo due minuti ci ha provato Garofalo (il più ispirato tra i suoi) con un destro dal limite che si è spento di poco sul fondo. Al 9’ si è fatto vedere il Frosinone, con un cross di Tonetto dalla sinistra, Altobello ha fatto da sponda a Vitalucci che ha trovato la pronta opposizione di Carriero. Dieci minuti dopo è stato Trovato a respingere la minaccia giallorossa con un bell’intervento di piede su tiro ravvicinato di Onda. Il Benevento ha fatto girare palla, provando anche a fare male con dei guizzi dei singoli come quello di Garofalo al 37’: l’attaccante ha fatto tutto da solo sull’out di sinistra, trovando però la parte alta della traversa al momento della conclusione. Al 42’ c’è stata un’altra occasione per il Benevento con Ferraro che, servito da Mancino, ha superato Trovato in uscita, ma non ha trovato il tap in vincente perché la palla era sul piede debole, nel momento in cui si è aggiustato la sfera sul destro ha perso l’attimo decisivo facendosi anticipare dall’estremo difensore avversario.

La ripresa comincia nel migliore dei modi per la Strega che passa in vantaggio dopo sette minuti: a gonfiare la rete è stato Pietroluongo che, servito ottimamente da De Rosa, non si è lasciato trovare impreparato all’appuntamento con il gol. E’ stato l’inizio della fine, perché al 12’ il Frosinone ha trovato subito il pareggio con un grande gol di Obleac che, di prima intenzione, ha dato alla sfera una traiettoria strana – tra il tiro e il cross – facendola depositare beffardamente in rete con Carriero che nulla ha potuto. Il pareggio ha fatto perdere un po’ di lucidità al Benevento. La sfida è proseguita con poche emozioni sia da una parte che dall’altra: Romaniello ha cercato di dare maggiore sostanza all’attacco inserendo Dublino al posto di Ferraro. Forzata, invece, l’uscita dal campo di Garofalo a causa di un infortunio. Al 35’ una gestione errata del pallone di Menichino ha permesso al Frosinone di involarsi verso la porta di Carriero: Vitalucci ha servito Luciani, ma l’estremo difensore giallorosso si è fatto trovare pronto. Al 41’ un’altra palla persa ha permesso al Frosinone di passare in vantaggio con Luciani. Il tris è giunto all’ultimo dei sei minuti di recupero e ha portato la firma di Vitalucci.

Nuova sconfitta per il Benevento che resta a quota undici punti in classifica. Nella prossima giornata, la penultima del girone d’andata, ci sarà il Pisa in trasferta.