Cento bottari per il festival dei suoni antichi

Promosso dall'associazione Suoni Antichi, in programma 14, 15 e 16 settembre a Macerata Campania

cento bottari per il festival dei suoni antichi
Caserta.  

Oltre cento bottari insieme per una festa speciale che mira a lasciare il segno. È il Festival dei suoni antichi, promosso dall'associazione Suoni Antichi, in programma il 14, 15 e 16 settembre a Macerata Campania (Caserta), con la direzione artistica di Roberto D'Agnese per Omast Eventi. Due le novità di quest'anno: il concerto finale delle battuglie, con l'esibizione straordinaria di oltre cento bottari, e la gastronomia, che sarà proposta ai visitatori in modalità rigorosamente street food.

"Macerata Campania - afferma il direttore artistico Roberto D'Agnese - è la terra dei bottari e l'obiettivo principale è la valorizzazione di questa antica tradizione. L'idea di fondo è stata quella di aggregare la comunità intorno alla sua tradizione, dando modo ad ogni battuglia di interpretare la dimensione artistica della festa".

"La mia idea è stata quella di unire le battuglie suggellando questa dimensione comunitaria con la presenza di un testimonial, che cambierà di anno in anno. Quest'anno sarà la volta di Pietra Montecorvino, che ha sposato il progetto e che sarà di fatto la madrina del Tempio dei Bottari. Una serata eccezionale in cui contiamo di avere oltre 100 bottari presenti e che chiuderà un festival tutto dedicato alla nobile tradizione popolare della Campania", aggiunge.