Anpi: "Seppellite senza nome il boia di Bolzano"

Alla vigilia delle celebrazioni del 25 aprile

anpi seppellite senza nome il boia di bolzano

«Seppellite in modo anonimo il boia di Bolzano, il criminale di guerra Michael Seifert». Lo chiedono alla vigilia del 25 Aprile il presidente dell'Anpi Alto Adige Südtirol, Guido Margheri, e quello di Caserta, Agostino Morgillo. Lo riporta l'edizione di Napoli della 'Repubblicà. In una lettera inviata ai sindaci di Santa Maria Capue Vetere e di Bolzano, i due responsabili dell'Anpi chiedono che si fermi quello che definiscono «lo sfacciato e spregevole omaggio con fiori e addobbi alla tomba del criminale nazista Michael Seifert detto 'Mischà compiuto da sconosciuti nel cimitero di Santa Maria Capua Vetere». Il criminale di guerra nazista è sepolto lì dal 2010, da quando morì nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, all' età di 86 anni. Da allora la sua tomba è meta di nostalgici che portano fiori davanti al loculo. Per i due presidenti dell' Anpi l'omaggio alla tomba di Seifert «rappresenta ogni giorno che passa un' offesa alle vittime della sua disumana violenza e di tutte le vittime del nazifascismo».