Rapine da film, terroristi, e le novità sulla Reggia

I fatti principali del 2019 a Caserta e provincia

Caserta.  

Rapine da film, casi inaccettabili di violenza, l'inquinamento e la terra dei fuochi sempre al centro delle cronache.
E poi un terrorista dell'Isis arrestato, la Reggia e alcune notizie positive.
Il 2019 per Caserta e provincia ha visto protagonisti i ladri, sicuramente professionisti e i colpi da “action movie” messi a segno in città: c'è quella di Aversa, a fine novembre (Leggi qui ) coi banditi che si sono serviti di camion e auto per bloccare le strade d'accesso alla filiale Unicredit per poi rubare le cassette di sicurezza e scappare via e c'è quella a Viale Giannone, nel capoluogo, con una banda di ladri penetrata nella filiale delle poste per scappar via col denaro attraverso le fogne e la Reggia.(Leggi qui)
E' stato anche l'anno delle violentissime e vergognose aggressioni al giornalista Mario De Michele, direttore del sito di news Campania Notizie, prima aggredito fisicamente e poi addirittura al centro di una sparatoria, da cui è uscito miracolosamente illeso (Leggi qui)
E' stato l'anno delle bruttissime vicende di violenze ai danni di minori: c'è il caso del maneggio (Leggi qui) e soprattutto quello di Trentola Ducenta, con una bimba che aveva avuto il coraggio di registrare le violenze subite dal parroco del paese e denunciarle (Leggi qui)
E poi i roghi in Terra dei Fuochi e l'arrivo di Salvini (Leggi qui) le tante, troppe morti sulle strade del casertano, l'arresto di un terrorista dell'Isis (Leggi qui) il giallo del corpo di una ragazza, mai identificata, trovata nel Garigliano (Leggi qui)
E poi la Reggia, con le pittoresche invasioni di Sforza, l'addio di Felicori e l'arrivo della nuova direttrice, Maffei.